bambini su altalena

Al problema della scarsa copertura di asili nido, soprattutto nelle aree meridionali ed insulari del nostro Paese, si aggiunge quello della estrema variabilità delle tariffe.

Come emerge dall’indagine di Cittadinanzattiva “Servizi in Comune” di ottobre 2018, la tariffa media mensile sostenuta da una famiglia con un bimbo al nido è stata nel 2018 di 300 euro, con una estrema variabilità fra le singole regioni e capoluoghi di provincia: si va dai 100€ al mese di Catanzaro ai 515€ di Lecco.

La Calabria è la regione più economica (160€), il Trentino Alto Adige la più costosa (472€). Il Sud, virtuoso sui costi, pecca però sulla disponibilità di posti negli asili nido e sulla carenza del servizio di ristorazione scolastica. La copertura dei nidi sulla potenziale utenza è solo dell’11,2%, rispetto alla media nazionale del 21,7%; in sette regioni del Sud e delle isole, più dei due terzi dei bambini non usufruisce del servizio mensa.

“Per questo esprimiamo grande soddisfazione per quanto affermato dal premier Conte che, nel suo discorso alla Camera, ha oggi annunciato l’impegno ad azzerare le tariffe dei nidi per le famiglie a reddito medio-basso, a partire dal 2020, e ad ampliare l’offerta dei posti disponibili, a partire dal Mezzogiorno”- afferma Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva.

Antonio Gaudioso, segretario generale Cittadinanzattiva
Antonio Gaudioso, segretario generale Cittadinanzattiva

“Allo stesso tempo, ci auguriamo che si avviino le procedure per la costruzione dei poli dell’infanzia  0-6 anni, previsti dal 2017 in tutte le Regioni, che allo stato attuale risultano al palo nella gran parte del Paese. Altrettanta centralità sia riconosciuto al servizio di ristorazione scolastica, per il quale ad oggi le famiglie italiane pagano in media 82 euro al mese, con tariffe molto diversificate a seconda dei territori.

Ci sembrano alcune delle condizioni preliminari per la lotta alle disuguaglianze e contro la povertà educativa ed economica dei più piccoli e delle loro famiglie, che il nuovo Governo si è impegnato a mettere al centro della legislatura”.

Ad apprezzare l’impegno del Premier nei confronti delle famiglie con reddito più basso è anche l’Unione Nazionale Consumatori che chiede l’azzeramento delle rette almeno per tutte le famiglie con Isee non superiore a 20 mila euro e 1 figlio a carico e uno sconto a scalare per i redditi superiori, fino ad una soglia massima da fissare in accordo con le Regioni”.

Per l’associazione quindi, “No a bonus generalizzati, ma un aiuto alle famiglie con reddito medio bassi”.

“Questo anche per ridurre le disparità territoriali regionali, considerato che, a fronte di una spesa media annua pagata dalle famiglie, per gli asili nidi comunali, secondo i dati Istat, pari, per l’Italia, a 1.995 euro, si fluttua dai 471 euro della Sicilia ai 2.928 euro di Bolzano. A fronte di una compartecipazione della spesa pari al 6% per gli utenti della Sicilia, si sale al record del 26,3% per le Marche”, precisa il presidente di UNC, Massimiliano Dona.

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)