Continua la campagna di Cittadinanzattiva per ‘scovare’ i Comuni che ancora non hanno adottato il Piano d’emergenza, obbligatorio dal 2012. Oggi l’Associazione ha inviato 48 nuove diffide ad altrettanti Comuni inadempienti (10 Comuni inadempienti dell’Emilia Romagna, 17 del Lazio, 8 della Liguria e 13 della Toscana): il totale delle diffide inviate è di 151, 103 erano state inviate nelle scorse settimane).
Obiettivo della campagna di Cittadinanzattiva #divanodemergenza (www.divanodemergenza.org) è informare la popolazione sulla sicurezza del territorio e invitare tutti i Comuni a dotarsi di un Piano di Emergenza Comunale, ovvero uno strumento per gestire un’emergenza di protezione civile. Il Piano contiene la descrizione dei rischi presenti sul territorio e le azioni previste dal Comune nelle diverse emergenze: prima, durante e dopo.
In Italia, infatti, il 48% dei Comuni è situato in un’area ad elevata sismicità e l’82% in aree ad elevato rischio idrogeologico. L’emergenza è quindi, potenzialmente, all’ordine del giorno. A questo si aggiungono più di 1.000 impianti industriali a rischio di incidente rilevante, il 30% di superficie esposta a rischio incendi e 11 vulcani attivi o quiescenti.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

1 thought on “#divanodemergenza, Cittadinanzattiva invia altre 43 diffide

  1. L’assurdo è che alcuni di quei comuni che hanno già adottato il Piano di Emergenza, NON DANNO alcuna informazione e non è possibile conoscerlo e neppure visionarlo…!!!

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: