La perdita del potere d’acquisto delle famiglie si può misurare in questo modo: equivale a circa un mese di spesa alimentare in meno. Crisi e manovre economiche hanno colpito le famiglie a reddito fisso determinando pesanti ricadute, che l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori stima in un meno 3,8%-3,9%. E i dati diffusi oggi dall’Istat registrano, solo per quest’anno, una caduta della capacità di acquisto dell’1,7% per le famiglie a reddito fisso. È quanto ricordano Federconsumatori e Adusbef che hanno calcolato le ricadute dell’aumento dei prezzi, dell’inflazione e della crisi sulla famiglia media monoreddito: se il reddito percepito è di 1.500 euro al mese la diminuzione del potere di acquisto è pari a 312 euro l’anno, se il reddito è di 2000 euro mensili questa è pari a 408 euro l’anno. Chiosano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti:  “È come se, a causa della caduta verticale del potere di acquisto, ogni famiglia a reddito fisso avesse dovuto rinunciare complessivamente a un mese di spesa alimentare”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)