scuola

Perdita di apprendimento, scuole chiuse e crisi dell'istruzione nel mondo

La pandemia ha chiuso le scuole di tutto il mondo. E la chiusura delle scuole ha un impatto immenso, più grave di quanto si potesse immaginare, in termini di crescita della povertà educativa e perdita di apprendimento. L’interruzione globale dell’istruzione causata da Covid-19 è la peggiore crisi educativa in corso. L’allarme viene da un rapporto pubblicato da Banca Mondiale, Unesco e Unicef.

«Riaprire le scuole dovrebbe essere la priorità assoluta degli Stati. Il costo di tenere le scuole chiuse è alto e minaccia di ostacolare un’intera generazione di bambini e giovani mentre si ampliano le disuguaglianze pre-pandemia», si legge nel dossier.

Perdita di apprendimento e chiusura delle scuole, crisi educativa mondiale

«Questa generazione di studenti oggi rischia di perdere 17 trilioni di dollari di guadagni (al valore attuale) nel corso della vita, ovvero circa il 14% del PIL globale di oggi, come risultato della chiusura delle scuole legata alla pandemia da COVID-19 – dice una nota di sintesi della ricerca – La nuova proiezione rivela che l’impatto è più grave di quanto si pensasse in precedenza, e supera di gran lunga le stime di 10 triliardi di dollari pubblicate nel 2020».

Il rapporto “The State of the Global Education Crisis: A Path to Recovery” mostra che nei paesi a basso e medio reddito, la percentuale di bambini che vivono in povertà di apprendimento – già il 53% prima della pandemia – potrebbe potenzialmente raggiungere il 70%, data la lunga durata della chiusura delle scuole e l’inefficacia dello studio a distanza per garantire la continuità di apprendimento durante la chiusura delle scuole.

L’impatto disuguale della perdita di apprendimento

La perdita di apprendimento legata alla chiusura delle scuole ha un impatto disuguale fra bambini e ragazzi. È maggiore fra i bambini che vengono da famiglie a basso reddito, fra le ragazze costrette a interrompere gli studi e la continuità educativa in paesi dove ci sono discriminazione di genere, fra i bambini disabili e in quei contesti dove sono assenti o carenti le tecnologie per la didattica a distanza. La perdita di apprendimento è maggiore fra gli emarginati e le persone più vulnerabili. E fra i bambini in età prescolare rispetto ai più grandi.

«La crisi del COVID-19 ha portato i sistemi scolastici di tutto il mondo ad una battuta d’arresto – ha dichiarato Jaime Saavedra, Direttore globale per l’istruzione della Banca Mondiale – Ora, 21 mesi dopo, le scuole rimangono chiuse per milioni di bambini, e altri potrebbero non tornare più a scuola. La perdita di apprendimento che molti bambini stanno vivendo è moralmente inaccettabile. E il potenziale aumento della povertà di apprendimento potrebbe avere un impatto devastante sulla produttività futura, sui guadagni e sul benessere di questa generazione di bambini e giovani, delle loro famiglie e delle economie mondiali».

 

 

a path to recovery
The State of the Global Education Crisis: A Path to Recovery

 

La perdita di apprendimento non è uguale per tutti

La perdita di apprendimento è crisi educativa e riproduce le disuguaglianze e il circolo della povertà. L’Unicef cita dati a livello regionale provenienti da Brasile, Pakistan, India rurale, Sudafrica e Messico che mostrano perdite di apprendimento sostanziali in matematica e lettura. L’analisi mostra che in alcuni paesi, in media, le perdite di apprendimento sono più o meno proporzionali alla durata delle chiusure.

La perdita di apprendimento però non è omogenea. Dipende dai paesi, dalla materia, dallo status socioeconomico degli studenti, dal genere.

In Messico per esempio la perdita di apprendimento nella lettura e nella matematica è significativa per gli studenti di 10-15 anni. Le perdite di apprendimento stimate sono state maggiori in matematica rispetto alla lettura, e hanno colpito gli studenti più giovani, gli studenti provenienti da ambienti a basso reddito, così come le ragazze, in modo sproporzionato.

La crisi educativa e le disuguaglianze che si accentuano

Quali sono le tendenze di questa crisi educativa? Ha accentuato le disuguaglianze nell’istruzione. E a parte alcune eccezioni, ci sono alcune tendenze generali.

«I bambini provenienti da famiglie a basso reddito, i bambini con disabilità e le ragazze hanno avuto minori probabilità di accedere all’apprendimento a distanza rispetto ai loro coetanei – dice l’Unicef –  Questo è stato spesso dovuto alla mancanza di tecnologie accessibili e alla disponibilità di elettricità, connessione e dispositivi, così come alla discriminazione e alle norme di genere».

Gli studenti più giovani hanno avuto minore accesso alla didattica a distanza, quindi la perdita di apprendimento è stata maggiore fra i bambini in età prescolare rispetto ai più grandi. L’impatto negativo è stato maggiore e ha colpito in modo sproporzionato i più emarginati, gli studenti più vulnerabili, le ragazze che stanno perdendo la protezione e le opportunità offerte dalla scuola.

«La pandemia da COVID-19 ha chiuso le scuole in tutto il mondo, interrompendo, al suo apice, l’istruzione per 1,6 miliardi di studenti, e ha esacerbato il divario di genere – ha detto il Direttore UNICEF per l’istruzione, Robert Jenkins – In alcuni paesi, stiamo vedendo maggiori perdite di apprendimento tra le ragazze e un aumento del loro rischio di dover affrontare il lavoro minorile, la violenza di genere, il matrimonio precoce e la gravidanza. Per arginare le cicatrici di questa generazione, dobbiamo riaprire le scuole e tenerle aperte, mirare a far tornare gli studenti a scuola e accelerare il recupero dell’apprendimento».

La priorità assoluta è riaprire le scuole

Riaprire le scuole deve essere una priorità assoluta e urgente in tutto il mondo, evidenziano Unicef, Banca Mondiale e Unesco.

A oggi meno del 3% dei pacchetti di incentivo dei governi sono stati destinati all’istruzione. Serviranno molti più fondi per recuperare.

I paesi, conclude l’Unicef, dovrebbero mettere in atto programmi di recupero dell’apprendimento con l’obiettivo di assicurare che gli studenti di questa generazione raggiungano almeno le stesse competenze della generazione precedente. I programmi devono coprire tre linee di azione chiave per recuperare l’apprendimento: consolidare il piano di studi; estendere il tempo dedicato all’istruzione; migliorare l’efficienza dell’apprendimento.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)