giocattoli

I giocattoli sono fra i principali prodotti contraffatti sequestrati alle frontiere europee

Sigarette e giocattoli in prima posizione fra le merci contraffatte e potenzialmente pericolose bloccate alle frontiere dell’Unione europea nel 2018. Quasi il 37% di tutti gli articoli sequestrati è composto da prodotti che usano in casa ogni giorno, dagli elettrodomestici ai prodotti per l’igiene personale, dai medicinali ai giocattoli. Lo dicono i dati pubblicati oggi dalla Commissione europea e relativi ai sequestri fatti alle frontiere.

 

Sigarette, giocattoli, imballaggi, abbigliamento

Nel 2018 il numero delle intercettazioni di merci contraffatte importate nell’UE è aumentato a causa di un ampio quantitativo di spedizioni di modesta entità, che entrano in Europa attraverso le vendite online, inviate mediante corrieri e servizi postali.

«I dati relativi alle spedizioni sequestrate – dice Bruxelles – sono passati da 57.433 nel 2017 a 69.354 nel 2018, sebbene il numero complessivo di articoli sequestrati sia diminuito rispetto agli anni precedenti. Nel 2018 sono stati sequestrati quasi 27 milioni di articoli in violazione dei diritti di proprietà intellettuale (DPI), per un valore di vendita di quasi 740 milioni di euro».

Le merci contraffatte sono spesso pericolose per i consumatori. Al primo posto ci sono le sigarette, pari al 15 % del quantitativo complessivo di articoli sequestrati, seguite dai giocattoli (14%), dal materiale da imballaggio (9 %), dalle etichette e dagli adesivi (9 %) e dall’abbigliamento (8 %).

I prodotti per l’uso personale quotidiano in ambito domestico, come gli articoli per l’igiene personale, i medicinali, i giocattoli e gli elettrodomestici casalinghi, rappresentano quasi il 37 % del numero totale di articoli sequestrati.

La metà viene dalla Cina

Da dove vengono? La top five dice che Cina (con oltre il 50%), Bosnia Erzegovina, Hong Kong, Cambogia e Turchia sono i primi paesi di provenienza e si distinguono anche per tipologia di prodotti. La Cina, spiega la Commissione europea, è il principale paese di origine delle merci che violano i diritti di proprietà intellettuale.

La Macedonia del Nord costituisce la principale origine delle bevande alcooliche contraffatte, mentre la Turchia è la prima fonte di altre bevande, profumi e cosmetici. Le dogane dell’UE hanno rilevato un numero elevato di orologi, telefoni cellulari e accessori, cartucce d’inchiostro e toner nonché CD/DVD, etichette e adesivi contraffatti in provenienza da Hong Kong, Cina. La principale fonte di attrezzature informatiche è l’India, la Cambogia per le sigarette e la Bosnia-Erzegovina per il materiale da imballaggio.

Parliamone ;-)