L’attività fisica fa bene alla salute ma gli europei ne fanno ancora poca (Foto di Daniel Reche da Pixabay)

L’attività fisica fa bene alla salute ma gli europei ne fanno ancora troppo poca. Nei paesi della Ue l’inattività fisica è problema diffuso: secondo i dati dell’ultima indagine dell’Eurobarometro, il 45% delle persone intervistate ha dichiarato di non praticare mai esercizio fisico o sport e una persona su tre non raggiunge livelli sufficienti di attività fisica.

Si stima che questo comportamento contribuisca all’insorgenza di milioni di casi di malattie croniche non trasmissibili (MCNT), che rappresentano un problema sia per la ricaduta sulla salute delle persone sia sul carico per i sistemi sanitari. È quanto ricorda il sito dell’Istituto Superiore di Sanità Epicentro che rilancia l’ultimo rapporto pubblicato sul tema. È il dossier “Step up! Tackling the burden of insufficient physical activity in Europe”, pubblicato a febbraio 2023 dall’Ufficio europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), con il supporto economico dell’Unione Europea (UE).

Attività fisica in Europa, bisogna fare di più

Il rapporto spiega come si potrebbero prevenire migliaia di morti premature e ridurre i costi della spesa sanitaria, aumentando la pratica di attività fisica fino a raggiungere i livelli raccomandati dall’OMS.

«L’OMS raccomanda almeno 150 minuti di attività fisica di intensità moderata a settimana, e ogni movimento conta per una migliore salute. Il nostro ultimo rapporto mostra che se tutti nell’UE dovessero soddisfare i livelli di attività fisica raccomandati dall’OMS, si potrebbero prevenire più di 10.000 morti premature ogni anno», ha detto il Dott. Kremlin Wickramasinghe, capo ad interim dell’Ufficio europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili dell’OMS.

Secondo il documento, se la popolazione europea aumentasse l’attività fisica ai livelli minimi raccomandati si potrebbero evitare non solo 10 mila morti premature l’anno, ma anche 11,5 milioni di nuovi casi di malattie croniche entro il 2050. Fra questi 3,8 milioni di casi di malattie cardiovascolari, 3,5 milioni di casi di depressione, quasi 1 milione di casi di diabete di tipo 2 e oltre 400 mila casi di diversi tipi di cancro.

Raggiungere inoltre l’obiettivo di 300 minuti di attività fisica a settimana eviterebbe altri 16 milioni di casi di malattie croniche non trasmissibili.

E come si fa ad aumentare l’attività fisica nella popolazione? Ci sono diverse azioni che funzionano. Fra queste, programmi specifici nelle scuole, nei luoghi di lavoro e nel sistema sanitario; politiche per aumentare l’accesso alle strutture sportive; politiche di progettazione urbana, ambiente e trasporti; interventi di comunicazione e informazione. Insieme ai benefici sulla salute, l’aumento dell’attività fisica avrebbe un impatto positivo anche sulla spesa sanitaria, facendo risparmiare agli Stati Membri dell’Ue, in media, lo 0,6% del loro budget totale per l’assistenza sanitaria.

L’attività fisica raccomandata per età

Quali sono dunque i livelli di attività fisica raccomandati? C’è una differenza per fasce d’età.

Bambini e adolescenti (dai 5 ai 17 anni) dovrebbero praticare durante la settimana almeno una media di 60 minuti al giorno di attività fisica, soprattutto aerobica, di intensità da moderata a vigorosa. E dovrebbero includere almeno 3 volte alla settimana attività aerobica vigorosa ed esercizi per rafforzare l’apparato muscolo-scheletrico.

Gli adulti (18-64 anni) dovrebbero praticare almeno 150-300 minuti settimanali di attività fisica aerobica di moderata intensità o 75-150 minuti settimanali di attività fisica aerobica vigorosa, oppure combinazioni equivalenti delle due modalità.  Dovrebbero inoltre  eseguire attività di rafforzamento muscolare a intensità moderata o superiore che coinvolga tutti i principali gruppi muscolari, almeno due giorni a settimana.

Stessi numeri per gli anziani (dai 65 anni in poi) che inoltre dovrebbero eseguire, almeno tre giorni a settimana, attività per migliorare l’equilibrio e per aumentare la capacità funzionale e prevenire le cadute accidentali. (Qui le informazioni nel dettaglio).


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)