Black Friday, le offerte convengono davvero? (fonte foto: Pixabay)

Le offerte del Black Friday sono davvero convenienti? Comprare in questi giorni permettere di fare l’affare del secolo? La domanda che Altroconsumo si è posta ha una risposta negativa: sembra proprio di no, perché spesso le percentuali di sconto sono calcolate sulla base dei prezzi di listino dei prodotti al momento del lancio sul mercato e dunque risultano esagerate. Senza contare che gli stessi prezzi si trovano online anche in altri periodi dell’anno.

Black Friday, si fa il grande affare? Non proprio

«Negli scorsi anni, abbiamo monitorato i prezzi di centinaia di negozi per capire se, a differenza delle settimane precedenti, le offerte proposte in questa ricorrenza fossero reali o specchietti per le allodole – spiega l’associazione – Ne abbiamo tratto che le percentuali di sconto sono spesso esagerate e che gli stessi prezzi possono essere disponibili anche in altri periodi».

Anche per il Black Friday 2022 la tendenza sembra essere la stessa.

«Il prezzo barrato è quello di listino e non l’ultimo prezzo a cui è stato messo in vendita il prodotto – spiega Altroconsumo Scorrendo le percentuali di sconto applicate ai vari prodotti di elettronica, la sensazione è quella che alcuni siti l’abbiano un po’ sparata grossa. Nei casi analizzati, infatti, la percentuale di sconto viene calcolata prendendo come base il prezzo di listino del prodotto al momento del lancio sul mercato. Il prezzo di listino solitamente scende con il passare del tempo ma, usandolo come base per lo sconto, è semplice vantare ribassi anche del 50% su prodotti usciti diversi mesi fa e che, nel frattempo, hanno già subito un calo fisiologico del costo».

L’altra considerazione fatta da Altroconsumo è che le offerte c’erano già prima del Black Friday. Alcuni prodotti in offerta, alcune volte con sconti anche maggiori rispetto al periodo del Black Friday, sono disponibili anche in altri periodi dell’anno. Non è insomma necessario attendere il quarto venerdì di novembre per trovare le promozioni ma è possibile risparmiare e trovare prezzi simili anche in altri periodi dell’anno.

Black Friday e prezzi in su sull’hi-tech

Detto questo, per Altroconsumo quest’anno sarà un Black Friday amaro per i consumatori, soprattutto per quelli alla ricerca di elettrodomestici e di prodotti hi-tech. Secondo l’analisi dei prezzi fatta dall’associazione, rispetto allo scorso anno e rispetto all’anno precedente alla pandemia, alcune tipologie di prodotti, come ad esempio i televisori, sono aumentati in media di quasi il 26%.

«E se i prodotti tecnologici diventano presto vecchi e quindi il loro prezzo dovrebbe scendere di anno in anno, il dato più preoccupante è che ciò non accade: sugli stessi siti a distanza di un anno molti modelli sono persino aumentati».

 

Come fare per… un Black Friday a prova di truffa

 

Black Friday e Black Month

Il Black Friday è venerdì 25 novembre, domani, ma in realtà le aziende anticipano la ricorrenza e offrono promozioni per tutta la settimana – Black week, quella in corso – o per diversi giorni, tanto è vero che si parla di Black Days o Black Month.

Il periodo termina lunedì 29 novembre, il cosiddetto Cyber Monday, la giornata riservata alle offerte hi-tech. In questi giorni risulta dunque difficile, se non impossibile, non imbattersi dunque in una delle tante promozioni di questo evento diffuso sia negli store fisici che nei negozi di eCommerce.

Le preferenze di acquisto dei consumatori

Un altro dato che emerge dalle analisi di Altroconsumo sono i comportamenti dei consumatori, perché sono cambiate le preferenze di acquisto.

In passato si concentravano soprattutto su elettronica ed elettrodomestici, smartphone, tablet, tv, mentre secondo l’associazione «quest’anno i consumatori italiani sfrutteranno le promozioni di questo periodo soprattutto per comprare vestiti, scarpe e accessori (46%) e solo in seconda battuta piccoli elettrodomestici (36%) e prodotti hi-tech (35%)».

Quest’anno aumentano i consumatori che vogliono fare acquisti ma il budget a disposizione diminuisce. Il 79% degli intervistati da Altroconsumo prevede di fare acquisti durante il Black Friday 2022, mentre solo il 68% lo ha fatto nello stesso periodo lo scorso anno. Rispetto al 2021 diminuisce di 28 euro la spesa pro capite. Chi ha fatto acquisti durante il Black Friday 2021 ha speso in media 260 euro, mentre quest’anno si prevede una spesa media pari a 232 euro. Una percentuale dell’11% spenderà da 500 euro in su mentre il 24% meno di 100 euro.

eCommerce, trasparenza buona

Nell’analisi sul Black Friday 2022 Altroconsumo propone anche una valutazione su correttezza e trasparenza nella vendita da parte dei siti di eCommerce. L’associazione ha analizzati 131 e-shop prendendo in esame diversi aspetti – completezza delle informazioni su venditore e prodotti, garanzia, assenza di clausole sfavorevoli, modalità di pagamento, assistenza post vendita e molte altre.

Emerge che «la maggior parte dei siti e-commerce è considerata affidabile nelle procedure di consegna, rimborso e assistenza – dice l’associazione – Infatti, l’80% del campione è trasparente nelle condizioni di vendita o nel processo di acquisto, e offre un servizio soddisfacente per gli utenti intervistati. Nello specifico, il 34% dei siti ha ottenuto risultati ottimi, il 46% buoni; il 17% si è aggiudicato la sufficienza e solo 3 e-commerce su oltre 130 (il 2,3%) hanno invece avuto un giudizio mediocre».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Direttrice di Help Consumatori. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, società e ambiente, bambini e infanzia, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Hobby: narrativa contemporanea, cinema, passeggiate al mare.

Parliamone ;-)