Bonus automatico riconosciuto direttamente alle famiglie in difficoltà. E un chiarimento sugli oneri generali in bolletta affinchè i problemi della filiera energetica non ricadano sui consumatori. Questi i due temi principali sottolineati dal Movimento Consumatori in un incontro con il nuovo collegio dell’Arera, l’Autorità per energia, reti e ambiente. L’Autorità, presieduta dal neo presidente Stefano Besseghini, ieri ha incontrato le associazioni dei consumatori per parlare di energia, gas, sistema idrico e rifiuti.

“Movimento Consumatori – spiega Ovidio Marzaioli, vicesegretario generale MC – si è soffermato sul tema degli oneri generali in bolletta, sottolineando l’importanza di un chiarimento normativo per non far ricadere sul consumatore finale tutti i disequilibri della filiera energetica, a partire dal prossimo trimestre a seguito degli aggiornamenti tariffari. Abbiamo poi posto l’accento sul tentativo fin troppo smaccato di sottrarre le fonti di finanziamento che gravano sulla bolletta (parte degli oneri generali di sistema) per finanziare attività che nulla hanno a che vedere con l’energia”.

Fra i temi affrontati dall’associazione anche la prescrizione breve e i bonus. Per questi ultimi, da più parti ormai, arriva l’invito a prevedere meccanismi di erogazione automatica alle famiglie che ne hanno diritto e che spesso non lo sanno. “Non è mancato nel nostro intervento – continua Marzaioli – un cenno sui conguagli e sulla prossima applicazione della prescrizione breve nei settori gas ed idrico: abbiamo sottolineato la complessità di questa modifica e l’impatto difficile che ne deriverà nei rapporti tra venditore e consumatore che avrà la facoltà di paralizzare le azioni di recupero dei conguagli oltre il biennio. Per quanto riguarda i bonus, abbiamo insistito sulla necessità di arrivare ad un automatismo nel sistema di riconoscimento che consenta l’assegnazione diretta alle famiglie in difficoltà economica con un controllo ex post, eliminando in maniera definitiva l’attuale farraginosa procedura di assegnazione”. Per il Movimento Consumatori, infine, nel settore idrico, dove sono diverse le criticità, “bisogna tener conto della complessità e della territorialità della regolazione concorrente degli Egato (Enti di governo d’ambito territoriale ottimale) e dei concessionari del servizio che impediscono al consumatore di usufruire di assistenza, impoverendo il ruolo delle associazioni di consumatori sul territorio”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)