Mercato libero energia, telemarketing scorretto

Al via collaborazione fra Tim e i Consumatori. Firmato protocollo per trasparenza e chiarezza delle informazioni

Firmato un protocollo di collaborazione fra Tim e i rappresentanti di Adiconsum, Adoc, Cittadinanzattiva, Codacons, Federconsumatori e Udicon. Ci saranno tavoli di confronto e un canale di gestione reclami e collaborazione per contrastare il telemarketing selvaggio

Tim e le associazioni dei consumatori si parlano. Sul campo c’è un nuovo protocollo di cooperazione, firmato da Tim con sei associazioni di consumatori e aperto ad altre adesioni, che prevede tavoli di confronto trimestrali sulle novità commerciali e le innovazioni tecnologiche e un canale di gestione reclami, rivolto alle associazioni, che permetterà loro di inviare in modo automatizzato le segnalazioni ricevute. Attenzione poi al telemarketing selvaggio da contrastare.

 

logo tim

 

Protocollo di collaborazione fra Tim e i Consumatori

Questi i contenuti di un protocollo di cooperazione firmato oggi a Roma dall’Amministratore Delegato di Tim, Luigi Gubitosi e dai rappresentanti di Adiconsum, Adoc, Cittadinanzattiva APS, Codacons, Federconsumatori e Udicon con l’obiettivo di «potenziare il rapporto di fiducia con le Associazioni dei Consumatori – si legge nella nota ufficiale di Tim – e rinnovare la relazione fra Tim e i propri clienti in termini di una sempre maggiore trasparenza, chiarezza e completezza delle informazioni su servizi offerti, novità commerciali, innovazioni tecnologiche e sviluppi di mercato».

Il canale dedicato alla gestione dei reclami permetterà alle associazioni di inviare a Tim, attraverso un sistema automatizzato, le segnalazioni ricevute e di risolverle con più velocità e agilità. Allo stesso tempo, il protocollo dà il via a tavoli di confronto trimestrali fra l’azienda e le associazioni firmatarie che «si confronteranno con l’azienda nella realizzazione delle proprie attività in ottica di maggiore trasparenza delle informazioni rivolte ai clienti, oltre ad intervenire nell’analisi dei reclami e delle conciliazioni».

 

 

 

Azioni per contrastare il telemarketing selvaggio

Se l’azienda vuole comprendere meglio, attraverso le associazioni, orientamento ed esigenze dei consumatori, per l’avvio di nuovi servizi commerciali Tim si impegna a comunicare alle associazioni dei consumatori il piano delle attività di comunicazione previste dall’azienda per assicurare la più ampia trasparenza e capillarità informativa, attraverso le diverse modalità disponibili come web, messaggi in fattura, SMS.

Attenzione poi al telemarketing selvaggio, settore particolarmente delicato, tanto che di recente il Garante per la protezione dei dati personali ha multato Tim per quasi 28 milioni di euro con una maxi sanzione motivata da numerosi trattamenti illeciti di dati legati all’attività di marketing. Su larga scala, considerato che hanno riguardato, come ha detto il Garante, «alcuni milioni di persone».

«Un altro ambito di concreta collaborazione con le Associazioni – prosegue la nota di Tim – riguarda la condivisione di azioni per contrastare il “telemarketing selvaggio” e l’utilizzo di dati personali degli utenti da parte di società terze. Il fenomeno ha un forte impatto sui clienti ed è una pratica che danneggia tutto il settore, contro la quale TIM intende rafforzare le misure già realizzate, agendo in sinergia con le Associazioni dei Consumatori».

L’accordo di oggi si inserisce nel progetto “Operazione Risorgimento Digitale” con cui Tim è impegnata ad accelerare la diffusione delle competenze digitali tra cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni. Il protocollo di collaborazione, aperto ad altre associazioni di consumatori, ha la durata di un anno al termine del quale le parti valuteranno congiuntamente la possibilità di rinnovo.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)