traghetto

Assicurazione anti-Covid non copre la quarantena, Antitrust multa Tirrenia

L’assicurazione anti-Covid promossa dalla Tirrenia era in realtà scorretta perché non copriva la quarantena. Con questa motivazione l’Antitrust ha deciso di multare la Compagnia Italiana di Navigazione (CIN) per pratica commerciale scorretta, con una sanzione da 100 mila euro.

Per l’Antitrust «la diffusione di messaggi promozionali volti ad indurre i consumatori ad acquistare biglietti con notevole anticipo rispetto al periodo di utilizzo degli stessi e inerenti la possibilità di cancellare detti biglietti in quanto si offriva una polizza assicurativa che avrebbe coperto le eventuali penali, senza tuttavia indicare l’esclusione per i consumatori che si trovavano in quarantena», rappresenta una pratica commerciale ingannevole.

L’assicurazione anti-Covid promossa dalla Tirrenia

Cosa è accaduto? Sotto i riflettori dell’Antitrust è finita la promozione della vendita dei biglietti fatta dalla Tirrenia per la stagione estiva 2021 con largo anticipo, a fine 2020.

Sul sito internet www.Tirrenia.it, CIN (Compagnia Italiana di Navigazione) ha pubblicizzato, nel periodo novembre- dicembre 2020, l’apertura delle prenotazioni dei servizi di traghetto per la Sardegna e per la Sicilia per la stagione estiva 2021, prospettando l’omaggio di una polizza assicurativa a copertura dell’annullamento del biglietto per i biglietti acquistati entro il 31 dicembre 2020.

La pubblicità della polizza, spiega l’Antitrust, dice di includere in garanzia “l’impossibilità ad intraprendere il viaggio a seguito di infezione da Covid 19 del passeggero o dei suoi familiari”.

«Tale garanzia – spiega l’Antitrust nel provvedimento – sembrerebbe invece essere esclusa dalle stesse condizioni di polizza, le quali prevedono all’articolo 15 “che tutte le coperture non sono dovute per sinistri derivanti da epidemie o pandemie restando inteso che detta esclusione non opererà in relazione a tutti i fatti direttamente collegabili al virus attualmente in circolazione denominato Covid 19” e al capoverso successivo del medesimo articolo che “le prestazioni non sono dovute per sinistri determinati da quarantene”».

 

antitrust provvedimento vs tirrenia, bollettino 17 gennaio 2022
Antitrust provvedimento vs tirrenia, bollettino 17 gennaio 2022

 

La promozione e la pandemia

La promozione della vendita dei biglietti per l’estate 2021, spiega ancora l’Antitrust, è stata fatta in un periodo (novembre – dicembre 2020) nel quale «la situazione pandemica era ancora in piena fase emergenziale ed era un fenomeno altrettanto, se non maggiormente, diffuso il ricorso alla quarantena di persone che seppur non infette avevano avuto un contatto con un soggetto positivo, proprio allo scopo di limitare la diffusione del contagio».

Potenzialmente molte persone avrebbero potuto comprare il biglietto sulla base della possibilità di poter usufruire della copertura assicurativa nel caso dell’annullamento del viaggio, argomenta l’Antitrust.

«Le risultanze istruttorie hanno confermato, invece, che l’annullamento del viaggio a causa di una quarantena non era una causa di attivazione della citata copertura assicurativa».

A ulteriore precisazione, l’Autorità garante della concorrenza aggiunge che «il fatto che solo un numero esiguo e ridotto di passeggeri abbia richiesto la copertura assicurativa per quarantena non esclude il configurarsi della fattispecie di pratica commerciale scorretta».

Assicurazione anti-Covid, la valutazione Antitrust

Detto questo, la pratica è scorretta perché l’assenza di un’informazione chiara e completa sulla promozione altera la scelta del consumatore.

Nel contesto in cui è inserita la promozione, spiega ancora l’Antitrust, «la mancanza di un’esplicita indicazione della quarantena come esclusa dalla copertura assicurativa in caso di annullamento del biglietto, rappresenta per il consumatore un’alterazione del set informativo che incide in modo grave e rilevante sulla sua decisione di acquistare o meno il biglietto, in un periodo di tempo molto anticipato rispetto alla data di utilizzo dello stesso».

La compagnia si era invece difesa dicendo, fra l’altro, che la pubblicità rimandava a una pagina apposita in cui c’era scritto: “Si intende incluso in garanzia l’impossibilità di intraprendere il viaggio a seguito di conclamata infezione da Covid 19”. Il che significava che la copertura copriva l’infezione e non la quarantena da Covid.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

1 thought on “Assicurazione anti-Covid non copre la quarantena, Antitrust multa Tirrenia

Parliamone ;-)