Declino biodiversità, UNESCO: nessuno potrà affermare di non sapere

Descrivendo il declino della natura senza precedenti e citando tra molti indicatori, 1.000.000 di specie in via di estinzione, la Piattaforma intergovernativa per la scienza e la politica sulla biodiversità ei servizi ecosistemici (IPBES) ha messo a nudo le minacce a tutta la vita sulla terra nel suo Rapporto globale di valutazione, pubblicato oggi presso la sede dell’UNESCO.

Audrey Azoulay, direttore generale dell’UNESCO, ha detto che la relazione ha messo in guardia il mondo: “Dopo l’adozione di questo rapporto storico, nessuno potrà affermare di non sapere. Non possiamo più continuare a distruggere la diversità della vita. Questa è la nostra responsabilità verso le generazioni future “, ha detto. “Questo rapporto ci ricorda l’urgente necessità di agire per la biodiversità, il nostro patrimonio ambientale globale. Possiamo e dobbiamo mobilitare tutti, urgentemente e insieme, per salvare il nostro pianeta e quindi l’umanità. Proteggere la biodiversità è vitale quanto combattere il cambiamento climatico “.

Redatto da 145 autori esperti provenienti da 50 paesi negli ultimi tre anni, con contributi di altri 310 autori che hanno contribuito, il Rapporto valuta i cambiamenti negli ultimi cinquant’anni, fornendo un quadro completo della relazione tra i percorsi di sviluppo economico e il loro impatto sulla natura. Offre anche una gamma di possibili scenari per i prossimi decenni.

La presenza media di specie autoctone nella maggior parte degli habitat terrestri è diminuita di almeno il 20%, soprattutto dal 1900. Più del 40% delle specie di anfibi, quasi il 33% di coralli che formano la barriera corallina e più di un terzo di tutti i mammiferi marini sono minacciati L’immagine è meno chiara per le specie di insetti, ma le prove disponibili supportano una stima provvisoria del 10% che è minacciata. Almeno 680 specie di vertebrati erano state portate all’estinzione dal 16 ° secolo e più del 9% di tutte le razze di mammiferi domestici utilizzate per il cibo e l’agricoltura si erano estinte entro il 2016, con almeno 1.000 altre razze ancora minacciate.

Comments are closed.