RcAuto, AACC chiedono ritiro del ddl di modifica

Il Ministro Guidi ritiri il Decreto Legge RC Auto presentato all’indomani della bocciatura dell’art. 8 del decreto Destinazione Italia, per dimostrare una rinnovata capacità di ascolto verso i consumatori e gli operatori del settore. Lo chiedono Assoutenti, Casa del Consumatore, Codici, Confconsumatori e  Unione Nazionale Consumatori che aderiscono al progetto di riforma del settore RC Auto ispiratosi alla Carta di Bologna” e presentato oggi a Roma assieme a Federcarrozzieri, alle Associazioni Vittime della strada e a quelle dei medici, degli avvocati, e dei patrocinatori del settore.

In particolare le Associazioni ribadiscono la necessità di introdurre: la portabilità della polizza, la terzietà  del perito nella valutazione del danno, la libertà di scegliere il riparatore di fiducia, e un’effettiva indipendenza delle autorità di controllo.

Un commento a “RcAuto, AACC chiedono ritiro del ddl di modifica”

  1. ANTONIO MASSIMO FEROLETO ha detto:

    PERITI ASSICURATIVI,Terzi ed IMPARZIALI,autonomi ed INDIPENDENTI fuori dal circuito delle Imprese di assicurazioni come in Francia,Germania,Svizzera…Democratici,LIBERI professionisti al SERVIZIO del Cittadino-Consumatore.LIBERA SCELTA del Perito RCauto come in Europa.