Cashback sospeso dal 1° luglio, Consumatori divisi

Cashback sospeso dal 1° luglio, Consumatori divisi

Il programma “Cashback verrà sospeso da domani 1 luglio, è quanto deciso dalla cabina di regia che si è tenuta a Palazzo Chigi. L’iniziativa era partita lo scorso dicembre e si sarebbe dovuta concludere a giugno del 2022.

Pertanto si avvia alla chiusura l’ultima sessione di rimborsi delle somme accumulate tramite transazioni elettroniche. I partecipanti dovrebbero ricevere i rimborsi di questo primo semestre entro la fine del prossimo mese di agosto 2021, spiega il Centro Tutela Consumatori Utenti.

Cos’è il programma Cashback?

Nato con lo scopo di contrastare l‘evasione fiscale attraverso l‘incentivazione di pagamenti elettronici, il sistema Cashback prevedeva il riconoscimento ai consumatori di un rimborso del 10% sugli acquisti effettuati. Per ogni periodo del programma (sei mesi) si poteva ottenere un rimborso massimo di 150 euro, pari a 300 euro annui, senza importo minimo di spesa.

Per avere diritto al rimborso, inoltre, i consumatori dovevano effettuare un minimo di 50 transazioni a semestre. Inoltre, era previsto un ulteriore bonus semestrale di 1.500 euro per i primi 100.000 cittadini con il maggior numero di movimenti senza contanti.

La posizione dei Consumatori

“Non abbiamo mai creduto che l’operazione Cashback avrebbe risolto i problemi degli italiani o sconfitto l’evasione. Ma da qui a sospenderlo ce ne corre”, afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“È evidente che la misura non è mai decollata, ma invece di sopprimerla andava semmai cambiata e aggiustata risolvendo le criticità emerse. Inoltre, l’impulso alla diffusione della moneta elettronica non potrà mai esserci senza l’abbattimento dei costi e delle commissioni, balzelli anacronistici che penalizzano sia i commercianti che gli utenti e che invece sono rimasti intonsi”, conclude Dona.

 

Pagamenti elettronici cashback

 

Diverso il parere del Codacons, che si dichiara favorevole alla sospensione del programma.

Bene per il Codacons lo stop al “Cashback”, una misura che non ha mai convinto pienamente i consumatori e che finora non è decollata, come dimostrano i numeri sulle adesioni da parte degli italiani – commenta l’associazione. – Ad oggi solo il 14,8% dei cittadini, circa 8,9 milioni di persone, ha aderito al programma”.

“Alla base dello scarso successo della misura, una procedura troppo macchinosa e problemi tecnici che, specie in occasione dell’extra Cashback di Natale, hanno disincentivato i consumatori. Per non parlare poi dei mancati rimborsi dovuti a transazioni non riconosciute dal sistema, o dell’ostruzionismo di molti esercenti che, ancora oggi, non permettono ai propri clienti di utilizzare il Pos e spingono i cittadini ad utilizzare il contante”.

“Ci aspettiamo ora dal Governo Draghi interventi per combattere efficacemente l’evasione fiscale e per incentivare l’utilizzo dei pagamenti elettronici – conclude il Codacons – azzerando costi e commissioni per esercenti e consumatori, e sanzionando pesantemente chi non consente agli utenti di pagare con carte di credito e bancomat”.

“I critici dell’iniziativa dicono, giustamente, che l’iniziativa promuoveva sì i pagamenti senza contanti, ma senza riuscire a creare alcun valore aggiunto che si potesse protrarre in là nel tempo – commenta Gunde Bauhofer, direttrice del Centro Tutela Consumatori Utenti. – Si può supporre che gli eccessi collegati ad aumenti di prezzo abbiano portato alla decisione di bloccare l’iniziativa”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

1 thought on “Cashback sospeso dal 1° luglio, Associazioni dei Consumatori divise

  1. e bravi! tanto can can per questa cosa che sembra avrebbe dovuto aiutare l’emersione del nero ed invece… mancato rimborso a natale a mio marito NON per ns colpa, tanti esercenti senza POS o senza Lotteria, senza contare le procedure di pagamento in tanti esercizi molto rigide che per svista tua o dell’esercente non ti permettono di ottenere i codici lotteria……

    intanto tanti esercenti hanno speso fiori di quattrini per adeguarsi. ed ora?

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: