Luce e gas, Assoutenti: da record materie prime rischio default per piccoli fornitori

Luce e gas, Assoutenti: da record materie prime rischio default per piccoli fornitori

La materia prima energia, ovvero la voce di spesa che in fattura indica la corrente elettrica consumata, in media incide sul costo finale solo dal 28 al 37%. Il resto dell’importo della bolletta dipende da costi di gestione e imposte. È quanto emerge da uno studio di SOStariffe.it.

L’analisi ha stimato l’incidenza dei consumi sul prezzo totale delle bollette del mercato libero, esaminando il caso di tre clienti-tipo: la persona singola, la coppia e la famiglia di quattro persone. Il confronto con le rilevazioni dello scorso anno conferma, inoltre, un calo generalizzato delle offerte del mercato libero di luce e gas, fino al 27%.

Energia elettrica, le voci di spesa in bolletta

I consumi di elettricità non sono l’unico elemento da considerare per valutare l’importo finale della bolletta. A far lievitare i costi delle fatture, infatti, ci sono altre voci di spesa, come i costi di trasporto e gestione del contatore ed anche oneri di sistema, IVA e altre imposte.

Lo studio SOStariffe.it si basa sulla situazione ipotetica di un contatore della luce collocato a Milano, di potenza 3 kW e considera solo le tariffe del mercato libero.

 

energia elettrica e bollette

 

A partire da questi dati sono stati calcolati i valori – tipo di tre bollette: la prima è riferita a una persona singola, che consuma in media 1400 kWh di energia all’anno. Le altre due sono una coppia, con un fabbisogno di 2400 kWh e una famiglia di quattro persone, che consuma in media 3400 kWh ogni 12 mesi.

L’indagine rivela che la materia prima energia, come detto, in media incide solo dal 28 al 37%, sulla bolletta della luce. Per il resto a determinare il costo finale della bolletta sono altre voci di spesa, tra cui il canone RAI, non compreso nei calcoli dello studio.

Bollette più leggere

I dati dell’Osservatorio di SOStariffe.it, inoltre, mostrano un alleggerimento dei costi per la luce. Tenendo in considerazione le migliori offerte del mercato libero disponibili ad agosto 2021 e i tre profili di consumo indicati in precedenza, l’indagine conferma un calo generalizzato della spesa annuale per il consumo della luce.

Tale calo va da un minimo del 15%, registrato per la famiglia di 4 persone, ad un massimo del 27%, registrato per una persona singola.

Anche il profilo della Coppia fa segnare una riduzione della spesa. In questo caso, il calo percentuale è del 20% rispetto ai dati raccolti dall’indagine nell’agosto dello scorso anno.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)