Dl Sostegni, più tempo per voucher spettacoli dal vivo. AACC: un danno per gli spettatori

Dl Sostegni, più tempo per voucher spettacoli dal vivo. AACC: un danno per gli spettatori

I voucher per gli spettacoli dal vivo annullati a causa dell’emergenza Covid saranno validi per 36 mesi dalla data di emissione, quindi tre anni, e non più per 18 mesi. È quanto previsto da un emendamento al Dl Sostegni approvato in Senato.

Voucher spettacoli dal vivo, il parere di UNC

“Un’assurda compressione dei diritti dei consumatori, che non possono attendere per ben 3 anni prima di poter riavere i loro soldi. Un raddoppio dei tempi inaccettabile“, afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

Dona ricorda che la restituzione dei soldi versati dai consumatori per l’acquisto dei biglietti è prevista comunque solo alla scadenza del periodo di validità del voucher, ossia 18 mesi, e solo quando il concerto è annullato senza rinvio ad altra data, compresa nel medesimo periodo di validità del voucher, oppure quanto il concerto è definitivamente cancellato.

Pertanto – spiega – “estendere il voucher da 18 mesi a 3 anni significa rimandare la restituzione dei soldi di un altro anno e mezzo. Non è certo così che si incoraggiano gli spettatori ad andare ai concerti. Stesso discorso rispetto all’emendamento relativo alle palestre che estende la possibilità di erogare i voucher”, conclude Dona.

 

Voucher spettacoli dal vivo

 

Codacons: i cittadini hanno diritto al rimborso

Analogo il parere del Codacons, che boccia l’emendamento al Dl Sostegni approvato oggi in Senato.

“Dopo il settore dei viaggi, anche per i concerti si registra uno scippo a danno dei consumatori, i cui diritti vengono calpestati impedendo i rimborsi in denaro e allungando la validità dello strumento del voucher”, afferma il presidente Carlo Rienzi.

“Grazie a tale emendamento – prosegue – gli spettatori che non possono o non vogliono assistere a concerti e spettacoli dal vivo rischiano di perdere quanto pagato, o devono attendere il 2024 per ottenere il rimborso in denaro, qualora il concerto acquistato non sia riprogrammato entro il 2023”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)