leggere

Lettori in pandemia, ecommerce e libri

Dove hanno comprato i libri i lettori in pandemia? Durante il lockdown e nei mesi successivi l’11% dei lettori, circa 2,7 milioni di persone, ha iniziato a comprare libri da store online. Il 55% ha ormai familiarità con gli acquisti in rete e ne ha fatto almeno uno negli ultimi dodici mesi. E non ci sono solo le grandi librerie e gli store, dice l’Associazione italiana editori: un milione di lettori compra direttamente sui siti internet degli editori.

Certo, la sproporzione dei rapporti è ancora grande. Nell’ultimo anno al primo posto dell’ecommerce per i libri c’è sempre Amazon: il 39% dei lettori dichiara di aver acquistato un libro su Amazon negli ultimi dodici mesi.

I lettori che hanno comprato almeno un libro attraverso i siti degli editori sono comunque costantemente aumentati rispetto a marzo 2020.

«Nella rivoluzione della distribuzione e dell’acquisto di libri seguita ai mesi di lockdown non c’è spazio solo per le grandi librerie online: l’e-commerce è una realtà che si è imposta a tutti i livelli», ha spiegato il responsabile dell’ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Giovanni Peresson.

 

aie acquisto libri online
Aie acquisto libri online, I nuovi volti dell’e-commerce 2021

 

I nuovi volti dell’e-commerce. Lettori e libri online

I numeri vengono dalla ricerca “I nuovi volti dell’e-commerce”, presentata ieri alla fiera Più libri più liberi, con dati raccolti Pepe Research e rielaborati dall’ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) e riferiti a tre indagini condotte a marzo, maggio e ottobre 2020 e a settembre 2021

A settembre 2021, negli ultimi 12 mesi il 39% dei lettori dichiara di aver acquistato un libro su Amazon, il 7% su Ibs.it/laFeltrinelli, il 5% in altre librerie online, il 4% direttamente sui siti delle case editrici. La progressione degli acquisti sui siti delle case editrici, pur su percentuali ancora piccole, è costante rispetto all’1% di marzo 2020, il 2% di maggio 2020, il 3% di ottobre 2020.

«Questo fenomeno si inscrive all’interno della maggiore familiarità che gli italiani hanno acquisito nei mesi di pandemia rispetto all’e-commerce: sono 2,7 milioni le persone che hanno iniziato ad acquistare in rete e che prima non lo facevano, pari all’11% dei lettori – spiegano gli editori – Oggi, così, il 55% dei lettori ha familiarità con gli acquisti in rete e ne ha fatto almeno uno negli ultimi dodici mesi».

Il 44% dei lettori comprava online anche prima del lockdown, mentre il 33% dichiara che non ha mai acquisto online o lo ha fatto molto raramente.

Chi compra libri online non lo fa solo dai grandi store, comincia a farlo anche dai siti delle case editrici o da altre librerie online, anche se al primo posto rimane sempre Amazon. A marzo 2020 il 35% dei lettori aveva comprato libri sul marketplace; questa percentuale è poi salita al 37% di maggio 2020, al 41% di ottobre 2020 e si attesta al 39% a settembre 2021.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)