black friday online

Black friday, aumentano le ricerche di sconti online

Oggi, quarto venerdì del mese di novembre, si è svolto il Black Friday: una ricorrenza nata negli Stati Uniti sempre più amata e attesa anche dai consumatori italiani. Gli sconti dilagano sia nei punti vendita tradizionali che nel settore dell’e-commerce. E sono proprio i negozi online che per primi hanno adottato la strategia di distribuire le offerte lungo l’intera settimana che precede il Black Friday oppure di far partire le offerte dal giovedì precedente e di farle terminare il lunedì successivo, durante il cosiddettoCyber Monday, giornata riservata alle offerte hi tech.

Ma le offerte in circolazione sono davvero così convenienti?

Altroconsumo ha monitorato i prezzi dei principali e-commerce scoprendo che in realtà nella maggior parte dei casi il prezzo con cui vengono messi a confronto i prezzi Black Friday è quello di listino del prodotto al momento del lancio e quindi quasi sempre superiore a quello praticato dal sito stesso nelle settimane precedenti; questo allo scopo di renderlo più attraente ed appetibile ai potenziali acquirenti. Le percentuali di sconto possono quindi risultare esagerate. Inoltre, l’Organizzazione dei consumatori ha riscontrato che non sempre le offerte sono imperdibili come sembra: in alcuni casi sarebbe bastato un attento monitoraggio dei prezzi per trovareofferte simili anche nel corso dell’anno.

 

Arriva il Black Friday
Offerte: è tutto vero?

Vere offerte o “specchietto per le allodole”?

Per quanto riguarda Mediaworld, dal monitoraggio dei prezzi emerge che, complessivamente, i prezzi Black Friday sono più bassi mediamente dei prezzi praticati nelle settimane precedenti del 19,3% e mediamente superiori al minimo di mercato del 1,8%.

Anche Euronics quest’anno ha fatto partire le offerte Black Friday con un giorno d’anticipo, offerte che si concluderanno anche in questo caso il 2 dicembre, il “Cyber Monday”. Nel complesso, i prezzi BF praticati da Euronics sono mediamente superiori al minimo di mercato del 7,1%.

Per quanto riguarda Unieuro le offerte BF sono mediamente inferiori del 9,7% rispetto ai prezzi praticati dal sito nelle settimane precedenti e mediamente più costose del 5,2% rispetto ai prezzi minimi di mercato.

Il «caso » Amazon

Per quanto riguarda Amazon, tutte le offerte analizzate sono mediamente più economiche rispetto al prezzo praticato in precedenza del 25,4%. Si può notare che a differenza degli altri Big Player dell’e-commerce, Amazon sta – di anno in anno – concentrando sempre più le promozioni su categorie merceologiche differenti rispetto a quelle degli altri competitor: sono infatti quasi del tutto assenti offerte nei settori dei grandi elettrodomestici, delle Tv, dei tablet e degli smartphone.

I consigli degli esperti Altroconsumo

Sconti e offerte «eccezionali» fanno gola a tutti ma attenzione ai prezzi troppo bassi rispetto ai prezzi di listino: meglio verificare su altri siti, in qualche caso potrebbe essere un falso o rivelarsi una truffa. Non sottovalutare l’aspetto del sito: testi tradotti male o scritti solo in inglese potrebbero essere frutto di traduzioni automatiche quindi meglio diffidare. Attenzione anche all’identità del professionista che deve essere individuabile in maniera chiara, sono sintomi di affidabilità la presenza del numero di partita Iva, numero di telefono fisso, indirizzo fisico e ulteriori dati utili per contattare l’azienda. Chi non rende disponibili queste informazioni probabilmente non vuole essere rintracciabile e ha qualcosa da nascondere.

 

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)