Caro skipass, sulle piste italiane prezzi in salita (fonte immagine pixabay)

La stagione sciistica è partita in salita e i temuti rincari in montagna ci sono stati. Ed è caro skipass, dice Altroconsumo sulla base di un’indagine sui prezzi di 29 stazioni sciistiche nel territorio nazionale – rilevati tra il costo del biglietto giornaliero adulti e quello dello skipass 5 giorni adulti in alta stagione 2022/2023.

Dall’indagine emerge che aumenta del 9,2% il costo medio per il biglietto giornaliero e del 8,7% il costo per lo skipass di 5 giorni rispetto alla stagione 2021/2022.

 

Vacanze natalizie e invernali, c’è voglia di viaggiare (ma incognita prezzi)

 

Prezzi in salita sulle piste italiane

«Il costo degli skipass giornalieri e settimanali continua ad aumentare di anno in anno», dice Altroconsumo che ha analizzato quanto costa concedersi qualche giorno sulle principali piste da sci nazionali durante i periodi di alta stagione 2022/2023, cioè sotto Natale, la settimana di Carnevale e i giorni festivi.

Tra i casi virtuosi, il cui prezzo del tesserino giornaliero è rimasto invariato, ci sono Tarvisio in Friuli-Venezia Giulia e Champorcher in Valle d’Aosta. In un caso il prezzo dello skipass giornaliero in alta stagione risulta diminuito rispetto all’anno scorso; si tratta del comprensorio di Monterosa Ski dove si è passati dai 60 euro ai 58 euro con un ribasso del 3.3%.

Per il resto, l’associazione ha trovato prezzi in salita.

«Gli aumenti dello skipass giornaliero arrivano fino al 16% nel comprensorio dell’Adamello in Lombardia che passa dei 50 euro ai 58 euro, seguito da Livigno e Bormio rispettivamente con il 13.5% e il 13% – dice Altroconsumo – La Lombardia si conferma come la regione con gli aumenti più elevati (quasi il 13.5%), seguita da Veneto con il 10.7% per gli skipass giornalieri. Le regioni più care sono il Trentino- Alto Adige e il Veneto che, comunque, restano le mete più ambite dagli amanti dello sci e della montagna in generale».

Il comprensorio Dolomiti Superski in Veneto è la località con il prezzo dello skipass giornaliero in alta stagione più caro, 74 euro. Seguono l’Alto Adige con 69 euro nelle località di Alta Pusteria- Tre Cime, Plan de Corones Kronplatz e Val Gardena. Il Trentino con Madonna di Campiglio, e il Veneto con Cortina d’Ampezzo, sempre con 69 euro.

Naturalmente le vacanze in montagna, che sia un fine settimana o la settimana bianca, richiedono costi diversi e non solo lo skipass.

«A conti fatti, una famiglia composta da tre adulti potrebbe sostenere una spesa media di 160 euro al giorno solo per poter usufruire degli impianti di risalita – dice Altroconsumo – Una somma importante, che diventa davvero elevata se si considerano gli eventuali costi per il noleggio o acquisto di attrezzatura da sci: in questo caso la famiglia si troverebbe a dover pagare 270 euro».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Parliamone ;-)