Consulenze finanziarie, le raccomandazioni di BEUC alla Commissione Europea

Consulenze finanziarie, le raccomandazioni di BEUC alla Commissione Europea

The price of bad advice” – Il prezzo dei cattivi consigli è la campagna promossa da BEUCOrganizzazione Europea dei Consumatori, che rappresenta gli interessi dei consumatori europei nei processi decisionali delle Istituzioni dell’Unione Europea. La campagna, che proseguirà fino a fine 2020, raccoglie e analizza i maggiori scandali finanziari e le loro conseguenze sui cittadini. Vicende legate a consulenze finanziarie “non adeguate” e pratiche scorrette.

“I risparmiatori in Europa sono troppo spesso esposti a consulenze finanziarie “non adeguate” – afferma BEUC – e il pagamento delle commissioni dovrebbe essere vietato sui prodotti d’investimento e sui prodotti finanziari complessi in tutta Europa”.

Scandali finanziari in Italia

Per quanto riguarda il quadro degli scandali finanziari in Italia, tra i casi citati BEUC riporta quello di Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca.

In particolare – si legge nella descrizione della vicenda, riportata all’interno della mappa dei principali scandali europei – tra il 2012 e il 2014, la Banca Popolare di Vicenza aveva concesso finanziamenti a clienti in cambio dell’acquisto delle azioni della banca. Uno schema ideato per rendere più sani i suoi bilanci. La banca, inoltre, aveva ingannato gli azionisti in merito ai rischi connessi e le autorità in merito alla sua solidità finanziaria.

“L’atto di prestare denaro allo scopo di acquistare azioni proprie di una banca è contro la legge italiana – ricorda BEUC – salvo circostanze specifiche e dopo aver adeguatamente informato gli azionisti sui rischi di tali transazioni”.

Analogamente – si legge – anche Veneto Banca aveva erogato, nello stesso periodo, prestiti ai consumatori in cambio dell’acquisto delle proprie azioni, che successivamente avevano perso completamente il loro valore.

 

Consulenze finanziarie, le raccomandazioni di BEUC alla Commissione Europea
Consulenze finanziarie, le raccomandazioni di BEUC alla Commissione Europea

Le raccomandazioni di BEUC alla Commissione Europea

“I risparmiatori devono essere certi di ricevere consigli imparziali quando investono i loro soldi. Se i risparmiatori non si sentono a loro agio e confidenti nell’investire i loro patrimoni, sarà più difficile per le aziende europee attingere a nuovo capitale e tornare in piedi dopo questa pandemia”.

Ha esordito così Monique Goyens, Direttore Generale di BEUC durante l’High Level forum on capital markets union, che si è tenuto questo mese presso la Commissione Europea.

Inoltre il 10 Giugno è stato pubblicato anche il documento “MiFID II REVIEW – BEUC CONSULTATION RESPONSE” all’interno del quale viene suggerito alla Commissione Europea di:

applicare il ban sulle commissioni in tutta Europa come già introdotto in Inghilterra e Paesi Bassi;
vietare gli incentivi alla vendita “in-house” che hanno fallito nel tutelare gli interessi dei risparmiatori e che possono spingere in modo non corretto i consulenti finanziari a vendere prodotti senza considerare i bisogni dei risparmiatori;
– investigare sulla creazione di database europei sui prodotti di investimento per supportare lo sviluppo di tool indipendenti di comparazione per i risparmiatori retail;
– introdurre requisiti certificati per lo staff che offre consulenza finanziaria, per assicurare che i consulenti siano adeguatamente preparati nell’offrire consigli in materia di investimenti.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)