Covid-19, il Parlamento UE chiede di Paesi di stabilire un piano comune per combattere la pandemia

Covid-19, il Parlamento UE chiede di Paesi di stabilire un piano comune per combattere la pandemia

La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) ha proposto tre azioni strategiche per la prevenzione di una nuova ondata di contagi da Covid-19.

In particolare la SIPPS focalizza l’attenzione sul “rafforzamento della medicina territoriale, con aumento del personale, preparazione di dispositivi diagnostici e di corridoi alternativi per il triage iniziale, con monitoraggio di tutti i casi sospetti e dei loro contatti, oltreché quarantena degli stessi fino ad accertamento di non contagiosità”.

Covid-19 e prevenzione, dispositivi diagnostici

“Bisognerà preparare nei prossimi mesi un numero adeguato di tamponi (almeno 30 milioni) con la possibilità di ottenere il risultato in 24/48 ore massimo. Sarà importantissimo – consiglia l’esperto – anche validare i test rapidi perché, se si confermasse una buona accuratezza, sarebbe possibile abbattere i costi e i tempi dei controlli”.

 

Covid e prevenzione, le proposte della SIPPS
Covid e prevenzione, le proposte della SIPPS

Corridoi alternativi

La SIPPS consiglia di predisporre percorsi obbligatori con aree sanitarie (deputate al Triage) esterne al sistema sanitario stesso e gestite da operatori adeguatamente protetti, informati e formati.

Propone, inoltre, di gestire il caso sospetto in teleassistenza e telefonicamente fino al risultato del tampone. E, in caso di necessità di visita immediata, questa dovrà essere demandata alle USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziali) o ad altro personale sanitario dedicato e formato.

Per i casi moderato-gravi – prosegue – avere la disponibilità di reparti e di ospedali Covid, anche se a oggi non utilizzati. Per le aree in cui non ci fossero reparti Covid, potrebbero essere facilmente adattati, con costi non esorbitanti, gli ospedali militari presenti in ogni provincia e regione e sottoutilizzati.

Dispositivi di protezione efficaci

I dispositivi di protezione efficaci – raccomanda – dovranno essere distribuiti a tutti gli operatori sanitari. In particolare saranno necessari dispositivi sanitari di massima sicurezza per gli operatori di prima linea.

L’ultimo consiglio per una strategia efficace di contenimento dei contagi viene da Maria Carmen Verga, segretario nazionale SIPPS: “È urgente investire, quanto necessario, in prevenzione, protezione e messa in sicurezza dell’intero Sistema Sanitario, passaggio indispensabile per un ritorno della società, e in particolare della scuola, a condizioni di relativa normalità”.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)