Forum QualEnergia, Ipsos presenta il sondaggio "Gli italiani e l'energia"

Forum QualEnergia, Ipsos presenta il sondaggio "Gli italiani e l'energia"

Forum QualEnergia, Ipsos presenta il sondaggio “Gli italiani e l’energia”

Oggi la seconda giornata del Forum QualEnergia, Ipsos: il 26% teme che la transizione energetica non avrà mai luogo, mentre tra gli ottimisti il 57% ritiene che avverrà entro il 2050. Civico 5.0 di Legambiente ha presentato il rapporto sull’efficienza energetica nell’edilizia

Per oltre un italiano su tre (il 36% degli intervistati) il settore energetico potrebbe essere quello trainante nella transizione verso uno sviluppo sostenibile: è quanto emerge dal nuovo sondaggio “Gli Italiani e l’energia”, realizzato da Ipsos per Legambiente e La Nuova Ecologia.

Il sondaggio evidenzia al contempo come più di un cittadino su quattro (il 26%) tema che la transizione energetica non avrà mai luogo. Tra gli ottimisti, invece, il 71% fissa un orizzonte temporale per l’abbandono delle fossili e la maggior parte (il 57%) ritiene che questo avverrà entro il 2050.

I risultati dell’indagine sono stati presentati oggi da Andrea Alemanno, responsabile Ricerche Sostenibilità IPSOS, e da Luca Biamonte, direttore Relazioni Esterne e Comunicazione Editoriale La Nuova Ecologia, nella seconda giornata del Forum QualEnergia organizzato da Legambiente, La Nuova Ecologia e Kyoto Club in partnership con Cobat.

Forum QualEnergia, gli italiani e le fonti rinnovabili

Sul tema “rinnovabili” dal sondaggio è emersa una familiarità con la materia (il 55% degli intervistati), ma con una conoscenza poco approfondita: appena il 6%, infatti, dichiara di saperne molto. Tra le fonti rinnovabili, il sole è considerato dal 51% quella più adatta alla produzione d’energia su vasta scala e con minore impatto su ambiente e società, seguito a distanza dall’uso delle biomasse e dal vento, specie tramite l’eolico su terra.

Inoltre, gran parte degli intervistati ritiene che Recovery Fund ed Europa possano rivelarsi determinanti per lo sviluppo e la diffusione delle rinnovabili.

 

Forum QualEnergia, fonti rinnovabili
Forum QualEnergia, fonti rinnovabili

Mentre, per quanto riguarda i comportamenti che ciascuno si dice disposto ad adottare a tutela dell’ambiente, al primo posto viene citata la sostituzione degli elettrodomestici con quelli a basso consumo, seguita dalla scelta di fornitori energetici che utilizzano soltanto fonti rinnovabili.

“Il sondaggio – commenta Francesco Ferrante, vicepresidente del Kyoto Club – conferma che in questi anni si sono fatti grandissimi passi avanti nella consapevolezza dei cittadini italiani, sia sulla gravità e le responsabilità della crisi climatica sia sul ruolo che la transizione energetica, con la rivoluzione delle rinnovabili e in particolare del fotovoltaico, può avere per cambiare strada. Ma c’è ancora molto lavoro da fare per convincere che si tratta di un obiettivo perseguibile e vincere la diffidenza di chi ritiene (almeno un quarto dei cittadini secondo il sondaggio) che invece non ci sia la possibilità di sostituire davvero in un orizzonte temporale plausibile i fossili”.

Efficienza energetica nell’edilizia

Nella Giornata di oggi, Civico 5.0 di Legambiente ha presentato il suo rapporto 2020 sull’efficienza energetica nell’edilizia, a cura di Katiuscia Eroe e Sibilla Amato.

Tra le principali criticità emerse, Legambiente segnala le dispersioni termiche, e difetti di isolamento, con riguardo a tutti gli edifici e gli appartamenti monitorati. Molto diffusi anche i difetti murari e le muffe causate da infiltrazioni, le criticità nei consumi e nei sistemi elettrici, spesso dovute alla scarsa efficienza degli elettrodomestici in casa.

“I monitoraggi da noi condotti confermano l’urgenza di un intervento di riqualificazione del patrimonio edilizio – spiega Katiuscia Eroe, responsabile Energia di Legambiente. – Sono analisi utili a orientare soluzioni che siano basate su sostenibilità ed efficientamento energetico, capaci di migliorare in modo significativo la quotidianità dei cittadini in termini di qualità ambientale degli spazi in cui vivono, oltre che di risparmio economico. È importante non solo prolungare il superbonus al 2025, ma anche commisurare l’incentivo più generoso al mondo a migliori parametri ambientali”.

In questa nuova edizione della campagna spazio anche alle lavatrici, dalla riduzione dei consumi di energia a quella di plastica e detersivi. Con la collaborazione di tre famiglie è stato sperimentato l’ozonizzatore per lavatrici di Ecowell, azienda che ha brevettato una nuova tecnologia per fare il bucato senza acqua calda né detersivi, basata sull’azione dell’ossigeno attivo che lava attraverso un’importante opera di sanificazione.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)