La Maturità dopo la pandemia, gli studenti lamentano ansia e disturbi alimentari

La Maturità dopo la pandemia, gli studenti lamentano ansia e disturbi alimentari (Fonte immagine: Pixabay)

Stress, ansia, disturbi del sonno, sbalzi d’umore, ricorso a farmaci, cattive abitudini alimentari: sono queste le problematiche degli studenti alle prese con l’esame di Maturità, dopo due anni di pandemia. Ben 7 maturandi su 10 provavano tensione e stress già un mese prima dell’inizio della preparazione all’esame. A segnalarlo una ricerca condotta dal portale Skuola.net assieme al team di psicologi e psicoterapeuti dell’Associazione Nazionale Di.Te. (Dipendenze tecnologiche, GAP, cyberbullismo), su un campione di 1.909 ragazze e ragazzi che tra pochi giorni dovranno affrontare l’esame di Stato.

Maturità, gli intervistati temono un peggioramento della propria salute

Secondo quanto emerso dall’indagine, gli studenti e le studentesse pensano che le proprie condizioni psico-fisiche peggioreranno ulteriormente con l’avvicinarsi della Maturità. Oltre 1 su 2 – il 51% – è certo che il proprio stato fisico subirà altri scossoni – si legge nella ricerca. Il 65%, praticamente 2 su 3, sostiene che a peggiorare ulteriormente sarà la curva del proprio stato emotivo. Il 71% confessa di avere forti sbalzi d’umore dovuti alla preoccupazione per l’esame.

In generale, oltre 3 su 5 riportano impressioni negative – come ansia, rabbia, sconforto, desiderio di fuggire – se pensano all’esame. Mentre sono rare le emozioni positive: meno di 1 su 10 hanno dichiarato di provare tranquillità, senso di “possibilità”, piacere di affrontare le prove.

 

esame di maturità

 

Per il 70% lo stress influisce sul rapporto col cibo

Per quanto riguarda le aspettative sulle prossime settimane,  oltre 4 su 5 già sanno che dovranno fare i conti con l’ansia – si legge nella ricerca di Skuola.net e Di.Te.; per il 34% avrà un ruolo molto forte, per il 46% sarà abbastanza presente. E il 72% pensa che la stessa ansia condizionerà il proprio esame (per il 24% “moltissimo”, per il 48% “abbastanza”). Inoltre circa il 70% pensa che non sarà mai abbastanza pronto per affrontare la prova e il 73% attribuisce le sensazioni negative sull’esame di Maturità a quanto vissuto, soprattutto in ambito scolastico, durante la pandemia.

“Questo carico di stress spesso si traduce in cambiamenti delle normali abitudini o, peggio ancora, nell’adozione o intensificazione di cattive abitudini“, spiegano Skuola.net e Di.Te. Quasi il 70% degli intervistati, infatti, sta reagendo modificando il proprio rapporto col cibo: il 37% tende a mangiare troppo, il 31% troppo poco. Mentre circa 1 su 2 – il 48% – dichiara che ultimamente sta dormendo molto meno del solito per via degli esami.

Richiamano l’attenzione anche i comportamenti che, in alcuni casi, potrebbero innescare dipendenze. Infatti tanti studenti – circa 2 su 5 – per allentare la tensione, ammettono di ricorrere a varie forme di “aiutini”: il 38% – si legge nella ricerca – ha aumentato l’uso di caffè, il 40% dice che sta fumando più del solito, un altro 40% che sta usando farmaci e integratori per avere più energie fisiche e mentali.

Inoltre circa 1 su 3 ha incrementato il consumo di sostanze che possono avere un effetto psicotropo, come alcol o droghe. Infine, 1 su 2 ha notato di aver incrementato l’uso dello smartphone per motivi non connessi alle esigenze di studio.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)