Dopo il caso della semina di mais Ogm in Friuli si mobilita la task force Liberi da Ogm che domani, dalle 14.30, insieme a imprenditori agricoli, ambientalisti e cittadini, manifesterà davanti a Montecitorio per chiedere al Governo di esercitare la clausola di salvaguardia che vieterebbe la messa a coltura di piante biotech. Il provvedimento, già sollecitato da tutti i gruppi parlamentari al Senato con una mozione votata all’unanimità, è stato adottato da tempo da diversi Paesi.

“L’agricoltura italiana, che si fonda sulla tipicità, la qualità e su un’eccezionale biodiversità, non ha assoluto bisogno degli Ogm. E semine biotech rappresentano nel nostro Paese un atto illegale poiché vanno contro le norme vigenti. E’, quindi, indispensabile che il governo decida subito sulla clausola di salvaguardia: per questa ragione abbiamo dato la nostra adesione alla manifestazione che si svolgerà domani a Roma, in piazza Montecitorio, contro l’utilizzo degli organismi geneticamente modificati in campo agricolo”: queste le parole del presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi.

“La non definitiva risoluzione della vicenda Ogm va avanti ormai da troppo tempo – sottolinea Coldiretti, che fa parte della task force – e questa deve essere l’occasione per chiudere definitivamente una questione sulla quale cittadini, agricoltori, rappresentanze economiche e sociali, Regioni ed il Parlamento si sono espressi già tantissime volte”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)