Le parole del consumatore: Aromatizzanti di affumicatura

Le parole del consumatore: Aromatizzanti di affumicatura (Foto di moerschy da Pixabay)

L’EFSA ha valutato la sicurezza di otto aromatizzanti di affumicatura presenti sul mercato dell’UE, la cui autorizzazione era soggetta a rinnovo ai sensi della vigente legislazione dell’Unione europea. Di cosa si tratta?

Gli aromatizzanti di affumicatura vengono aggiunti agli alimenti per dare loro un sapore di affumicato, pur non avendo la stessa funzione conservante dell’affumicatura tradizionale.

Come spiegato da Wim Mennes, presidente del gruppo di lavoro dell’EFSA sugli aromatizzanti, in un’intervista pubblicata sul sito Efsa, “gli aromatizzanti di affumicatura vengono aggiunti ad alimenti come carne, pesce o formaggi in alternativa al processo di affumicatura tradizionale. Ma possono essere utilizzati come aromatizzanti anche in altri cibi come zuppe, salse, bevande, patatine, gelati e dolciumi“.

La valutazione Efsa sugli aromatizzanti di affumicatura

“Gli otto prodotti appena valutati sono sul mercato dell’UE da 10 anni e – ha spiegato Mennes – i richiedenti hanno chiesto alla Commissione europea di prorogarne le autorizzazioni per ulteriori 10 anni. Per gli altri due prodotti attualmente sul mercato dell’UE il richiedente non ha chiesto il rinnovo dell’autorizzazione”.

Secondo quanto emerso dallo studio realizzato dall’Efsa, “sulla base delle evidenze scientifiche disponibili, non è stato possibile escludere problemi di genotossicità per alcuno degli otto aromatizzanti di affumicatura – ha dichiarato Mennes. – Per genotossicità s’intende la capacità di una sostanza di danneggiare il materiale genetico delle cellule. Cambiamenti o mutazioni delle informazioni genetiche all’interno di una cellula possono aumentare il rischio di sviluppare patologie come cancro e malattie ereditarie”.

Un tipo di tossicità per il quale non è possibile stabilire un livello di sicurezza.

“Sei degli aromatizzanti di affumicatura che abbiamo valutato – ha proseguito Mennes – contengono sostanze genotossiche e destano pertanto preoccupazioni in termini di sicurezza per l’uomo. Per gli altri due non abbiamo potuto escludere problemi di sicurezza a causa della mancanza di dati”.

La Commissione europea e gli Stati membri dell’UE, quindi, vaglieranno attentamente il parere scientifico dell’EFSA come base su cui discutere le opportune opzioni di gestione del rischio connesso agli aromatizzanti di affumicatura attualmente in commercio.

Quali conseguenze per i consumatori?

Alla domanda sulle possibili conseguenze per la salute dei consumatori, Mennes ha specificato che “in generale il consumo di sostanze genotossiche può comportare un alto rischio di effetti nocivi sulla salute. Tuttavia la probabilità che questi effetti si manifestino dipende da diversi fattori, tra cui la genetica e le abitudini alimentari dell’individuo“.

Ha sottolineato anche che “la possibilità che tali effetti nocivi vengano indotti dal consumo di alimenti aromatizzati con aromatizzanti di affumicatura non è stata indagata dall’EFSA”, la quale, però, “adotta un approccio prudenziale nelle sue valutazioni, ovvero considera l’ipotesi peggiore per stimare pericoli e rischi”.

Mennes ha raccomandato, quindi, una dieta bilanciata: “bilanciare la dieta variando gli alimenti può aiutare i consumatori a ridurre l’assunzione di sostanze nocive”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)