fridays for future

Fridays for Future, il WWF chiede un New Deal per la Natura e le Persone

È alta l’attenzione sul clima, con le manifestazioni dei Fridays for Future e le iniziative in calendario per tutta la settimana. In occasione dell’Assemblea Onu, il WWF chiede un Accordo globale per la Natura e le persone e una Dichiarazione di emergenza da adottare il prossimo anno

L’attenzione per il clima è alta. Finalmente, si potrebbe dire. Non c’è molto tempo per agire e non c’è neanche tempo per dubitare, dal momento che gli eventi estremi, le calamità naturali, gli incendi devastanti dal Brasile alla Russia, richiedono un intervento immediato a tutela dell’ambiente e delle persone.

I giovani l’hanno capito e stanno scendendo in piazza, oggi e per tutta la settimana, nei Fridays for Future che diventano anche una settimana di mobilitazione tutta dedicata al clima. Ci sarà il vertice delle Nazioni Unite la prossima settimana a New York. E per l’occasione, il WWF chiede «un Nuovo ambizioso Accordo globale per la Natura e le Persone (New Deal for Nature and People), che unisca gli sforzi verso un futuro sicuro».

 

 

WWF: il Pianeta è in crisi

Il Pianeta è in crisi e dal 1970, ricorda il WWF, si è registrato un declino medio del 60% delle popolazioni della fauna selvatica, mentre l’impatto dell’uomo e il sovra sfruttamento delle risorse naturali ha continuato a crescere esponenzialmente. Bisogna intervenire ora. E dall’assemblea dell’Onu, dice l’associazione, deve arrivare una spinta per affrontare un anno critico per il Pianeta.

«Il prossimo anno, i trattati internazionali chiave – incluso il Sustainable Development Goals, il Nature Convention e l’Accordo sul clima – saranno rinegoziati, dando l’opportunità di posizionare la sostenibilità nel cuore della politica, dell’economia e sei sistemi sociali. Il WWF chiede su scala globale un Nuovo ambizioso Accordo globale per la Natura e le Persone, che unisca gli sforzi verso un futuro sicuro».

 

riscaldamento globale

 

I leader riconoscano l’emergenza planetaria

Il WWF chiede dunque che i leader mondiali già la prossima settimana firmino un accordo per porre la biodiversità al centro dei trattati internazionali del prossimo anno. Chiede poi una Dichiarazione di emergenza per la natura e le persone da dichiarare all’Assemblea generale Onu del prossimo anno.

Sostiene Marco Lambertini, Direttore Generale del WWF Internazionale: «La prossima Assemblea Generale delle Nazioni Unite si svolge all’inizio di un anno critico per il nostro Pianeta, ed è  un’opportunità per riportare la nostra attenzione globale sull’emergenza ambientale che stiamo affrontando. La scienza parla chiaro ‘business as usual’ non può essere considerata un’opzione se dobbiamo proteggere il nostro futuro. La nostra traiettoria attuale sta destabilizzando il nostro clima e sta mettendo a rischio la natura, minacciando la nostra stessa sopravvivenza».

Per il Direttore del WWF «i leader devono riconoscere l’emergenza planetaria che stiamo affrontando, lavorando per garantire una Dichiarazione di Emergenza per la Natura e le Persone”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)