Recupera anche a febbraio la fiducia dei consumatori italiani, che sembrano risentire positivamente del rallentamento dell’inflazione e di conseguenza esprimono opinioni più favorevoli su risparmio, posizione finanziaria della famiglia e mercato dei beni durevoli. In flessione, invece, le previsioni sul quadro economico generale. Ma il recupero della fiducia risente di una diversa distribuzione territoriale: migliora nel Centro Nord ma è ancora in calo nel Mezzogiorno. È quanto emerge dall’inchiesta mensile dell’Isae (Istituto di studi e analisi economica) .

La fiducia dei consumatori italiani segna a febbraio un ulteriore recupero, tornando sui valori di dicembre 2007 e attestandosi a 104,1 da 102,6. Il maggior ottimismo riguarda le opinioni sul quadro personale, che migliorano per l’ottavo mese consecutivo e si posizionano in prossimità dei valori di luglio 2002: ad essere favorevoli sono soprattutto le indicazioni relative al mercato dei beni durevoli e al risparmio. Giudizi più favorevoli sulle opportunità di risparmio spingono al rialzo anche l’indice relativo al quadro corrente mentre le attese a medio termine rimangono invece sostanzialmente stabili e tornano a scendere quelle sul quadro economico generale. A favorire il miglioramento della fiducia è probabilmente, rileva l’Isae, soprattutto il calo di giudizi e previsioni relativi all’andamento dell’inflazione. Nel quadro economico generale emergono invece valutazioni ancora pessimiste specialmente per le ripercussioni sul mercato del lavoro della crisi economica internazionale.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)