Taglio e piega sono sempre più etnici. In Italia sono quasi 6 mila i parrucchieri e gli estetisti stranieri, pari a più di un’impresa individuale su 20. Milano, Roma, Torino e Lecce sono le "piazze" in cui maggiore è il numero di parrucchieri stranieri, e nel capoluogo lombardo si concentra il 41% dei parrucchieri di origine cinese che lavora in Italia.

Le prime nazionalità rappresentate sono, nell’ordine, Svizzera, Germania, Cina, Francia e Romania. Considerando solo i Paesi non europei, si rileva che il 65% delle imprese straniere sono extracomunitarie, con coiffeurs che arrivano soprattutto dalla Cina (7,9% del totale stranieri) e dal Marocco (2,7%).

I parrucchieri "etnici" servono soprattutto le province di Milano (7,3% del totale stranieri), Roma (6,5%) e Torino (3,9%) seguite da Lecce (3,8%). I dati sono resi noti dalla Camera di Commercio di Milano.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)