Autonoleggio, Antitrust: in caso di multe non sono dovuti i costi di gestione al noleggiatore

Autonoleggio, Antitrust: in caso di multe non sono dovuti i costi di gestione al noleggiatore (Fonte immagine: Pixabay)

Autonoleggio, Antitrust: in caso di multe non sono dovuti i costi di gestione al noleggiatore

L’Antitrust ha dichiarato vessatorie le clausole che prevedono, in caso di multa durante la guida di un auto a noleggio, l’applicazione di costi di gestione della pratica amministrativa a carico del consumatore. Il CRTCU invita gli utenti a segnalare eventuali addebiti sospetti

Con una serie di procedimenti conclusi il 13 giugno, l’Antitrust ha dichiarato vessatorie le clausole che prevedono l’applicazione di costi di gestione della pratica amministrativa a carico del consumatore, in caso di violazioni alle norme di legge connesse alla circolazione dei veicoli presi a noleggio. Nel Bollettino del 13 giugno il provvedimento completo.

Quindi – spiega l’associazione CRTCU in una nota – alla luce di quanto stabilito dall’Autorità il consumatore multato durante il noleggio di un auto dovrà pagare solo l’importo notificato dall’agente accertatore e non sarà tenuto ad indennizzare il noleggiatore per il lavoro svolto di comunicazione dei dati del conducente alle Autorità.

Autonoleggio, le clausole vessatorie rilevate dall’Antitrust

Alcuni contratti di autonoleggio (Autovia, B-Rent, Europcar Italia, Locautorent, Sicily by car, Sixt rent a car) prevedevano in questi casi il pagamento di una penale di importo medio di cinquanta euro, a titolo di rimborso dei costi amministrativi di gestione della pratica al noleggiatore.

 

autonoleggio

 

Tale importo veniva automaticamente addebitato al cliente in virtù di un’autorizzazione al prelievo sulla carta di credito fornita al momento del noleggio, concessa dal consumatore alla firma del contratto nel caso di violazioni al codice della strada, che in alcuni casi risultava essere maggiore rispetto all’importo della sanzione stessa.

Secondo il parere dell’AGCM – spiega il CRTCU – tali clausole esaminate, presenti nei contratti di alcuni noleggiatori, “sono tali da determinare, a carico del consumatore, un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto, in quanto le stesse risultano idonee a imporre al consumatore, (…) il pagamento di una somma di denaro a titolo di risarcimento, clausola penale o altro titolo equivalente d’importo manifestamente eccessivo”.

L’associazione invita, quindi, i consumatori a segnalare eventuali addebiti sospetti ricevuti dopo un noleggio e ricorda, data la loro complessità, di leggere attentamente i contratti di noleggio prima di ritirare l’auto prenotata.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)