Conto corrente

La Confconsumatori di Parma ottiene un’importante vittoria su una compagnia telefonia che aveva addebitato ad un utente fatture di una linea sconosciuta.

La vicenda riguarda una cittadina di Parma che aveva chiesto la disdetta della linea fissa. L’operatore telefonico non aveva però cancellato i suoi dati, addebitandole per 10 anni bollette di una utenza sconosciuta per oltre 3 mila euro.

 

bollette
La compagnia telefonica aveva addebitato bollette per 3 mila euro

I fatti

La controversia risale al periodo tra marzo 2008 e febbraio 2018, quando la compagnia telefonica aveva addebitato sulla carta di credito della consumatrice l’importo di diverse fatture di una linea fissa associata a un indirizzo estraneo in cui lei non aveva mai abitato.

La donna si è quindi rivolta a Confconsumatori raccontando che nel periodo compreso tra il 1998 ed il 2002, era stata effettivamente cliente dell’operatore telefonico convenuto in giudizio e, in quell’occasione, aveva fornito i propri dati personali e la carta di credito.

Dal 2002, però, la signora si era spostata in un’altra città e, di conseguenza, aveva richiesto la disdetta dell’utenza telefonica, ma i suoi dati personali – compresi quelli della carta di credito – non erano stati cancellati dalla società telefonica. Successivamente, a nome e a insaputa della signora, era stata attivata un’utenza nuova e differente, della quale la società telefonica non è stata in grado di produrre il relativo contratto, risultato poi del tutto inesistente.

L’azione di Confconsumatori

Dopo avere inutilmente proposto reclamo, Confconsumatori, tramite i propri consulenti legali, ha quindi avviato la procedura di conciliazione pariteticaconclusa però con esito negativo per colpa della reiterata condotta omissiva della società telefonica che non rispondeva alle precise richieste di chiarimento da parte dell’associazione, impegnata, invece, nel trovare una soluzione stragiudiziale della vertenza

A questo punto, la consumatrice, assistita dall’avvocato Antonio Cagna, ha intrapreso un’azione civile avanti al Giudice di Pace di Parma, chiedendo la condanna della società telefonica e la restituzione delle somme indebitamente prelevate.

Il Giudice di Pace ha accolto le domande condannando la società telefonica alla restituzione integrale delle somme ingiustamente prelevate sulla carta di credito, al pagamento delle spese processuali e di ulteriori 1.000 euro per risarcimento danni.

 

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)