Ripristinare oceani e acque, dalla Ue 106 milioni per 18 nuovi progetti (Foto Pixabay)

Ripristinare oceani e acque: dall’Unione europea arrivano 106 milioni di euro per nuovi progetti su protezione, conservazione, disinquinamento e innovazione. Nei giorni scorsi Bruxelles ha infatti annunciato 18 nuovi progetti che riceveranno oltre 106 milioni di euro per contribuire alla missione dell’UE “Ripristinare i nostri oceani e le nostre acque”.

Ripristinare oceani e acque

Avviata nel settembre 2021, la missione dell’UE “Ripristinare i nostri oceani e le nostre acque” mira a proteggere e ripristinare la salute degli oceani e delle acque entro il 2030 attraverso la ricerca e l’innovazione, il coinvolgimento dei cittadini e gli investimenti nell’economia blu. La missione affronta l’oceano e le acque come un’unica missione e svolge un ruolo fondamentale nel conseguimento della neutralità climatica e nel ripristino della natura.

«Questi 18 nuovi progetti mirano a proteggere e ripristinare la salute dei nostri oceani e delle nostre acque nei settori della biodiversità, degli ecosistemi di acqua dolce, dell’inquinamento, dell’economia blu e della decarbonizzazione – ha detto Margrethe Vestager, vicepresidente esecutiva per Un’Europa pronta per l’era digitale – Più di 370 beneficiari — PMI, istituti di ricerca, autorità locali, scuole e imprese — sono mobilitati per apportare soluzioni che possano trasformare le sfide verdi in opportunità di innovazione».

I progetti riuniscono oltre 370 beneficiari provenienti da 36 paesi, tra cui PMI, istituti di ricerca, autorità locali, scuole e imprese. Avranno un ruolo fondamentale, dice Bruxelles, verso la neutralità climatica, il ripristino della natura e della biodiversità nelle acqua, la riduzione dell’inquinamento. Partecipano ai progetti tutti gli Stati dell’Ue con azioni che spaziano dal Baltico al Mare del Nord, dal Danubio, dal Mediterraneo e dall’Atlantico.

Oceani e acque, le azioni

I progetti sono diversi e apporteranno diversi benefici ad acque e oceani.

Fra questi ci sono soluzioni di protezione e ripristino degli habitat costieri e marini degradati; la protezione e il ripristino delle zone umide, delle pianure alluvionali, delle zone umide costiere e delle paludi salmastre nel Danubio; azioni per prevenire, ridurre al minimo e porre rimedio all’inquinamento chimico nel Mar Mediterraneo.

Ci sono progetti volti a prevenire ed eliminare i rifiuti, la plastica e le microplastiche con soluzioni innovative per i fiumi europei e altre volti a ridurre i rifiuti marini e l’inquinamento utilizzando attrezzi da pesca intelligenti e a basso impatto ambientale. Prevista anche la creazione di una biblioteca elettronica delle specie marine e d’acqua dolce.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)