Carnevale 2023, si parte (rincari compresi) (Foto Pexels-Pixabay)

Si è aperta la settimana di Carnevale, via anche ai rincari. Anche su questa colorata festa si abbattono i ritocchi al rialzo dei prezzi su un numero diverso di voci: coriandoli e stelle filanti, dolci tipici della festa, costumi da bambino, spese per allestire una festa in maschera. Sempre più gettonato è il costume fai da te (quello che rimanda alla creatività casalinga e alla tradizione familiare) e lo scambio di costumi di Carnevale, mentre fra le tendenze delle sfilate rientra anche il Carnevale “green” con carri e costumi a tema.

A fare un bilancio è Federconsumatori che ha monitorato i prezzi dei prodotti alimentari, dei costumi e degli accessori tipici di questa ricorrenza, nonché i costi per organizzare una festa a tema con amici e parenti. In media, dice l’associazione, i prezzi aumentano del +26% in tre anni. Gli aumenti più elevati si registrano per i dolci tipici, ma anche per coriandoli e stelle filanti.

Dolci, coriandoli e abiti: i prezzi di Carnevale 2023

Federconsumatori confronta i prezzi del 2020 e di quest’anno. Alla voce dolci tipici segnala rincari compresi fra il 27% e il 48% per frappe e castagnole. Le frappe nella grande distribuzione hanno prezzi di poco inferiori ai 14 euro al kg (più 27% in tre anni) mentre in pasticceria si aggirano sui 29,50 euro (più 39% sul 2020). Le castagnole nella Gdo segnano prezzi intorno a 20 euro (più 48%) mentre in pasticceria stanno in media sui 31 euro (più 32%).

Carnevale e i coriandoli: secondo l’analisi dell’associazione, 1 kg di coriandoli costa in media quest’anno 4,90 euro contro i 3,20 del 2020 (più 53%). Per le stelle filanti (pacchetto da tre) servono 3,50 euro, più 49% rispetto ai 2,35 euro di tre anni fa.

Per comprare un abito da Carnevale da bambino servono in media 46 euro, più 24% rispetto al 2020, mentre sono in flessione i costi degli abiti per gli adulti (meno 13% per una spesa media di 52 euro, anche se naturalmente molto dipende dal costume).

Costumi di Carnevale 2023

E quali costumi di Carnevale vanno di più?

«Tra le tendenze tipiche del 2023 spiccano i costumi di Mercoledì Addams o di Elvis, ma anche costumi simpatici gonfiabili, come quello che emula un rapimento dagli alieni o quello che rappresenta Super Mario in groppa a Yoshi – dice Federconsumatori – Visti i rincari quest’anno sono particolarmente popolar è lo scambio di costumi con gli amici o l’acquisto di costumi economici online. Altra opzione molto in voga è il costume fai da te: consente di risparmiare e di dare sfogo alla propria creatività, sfoggiando un travestimento originale e senza dubbio unico».

Trucchi e make-up, occhio alla qualità

C’è poi anche il capitolo trucchi e make-up – se non si vuole approfittare di quello eventualmente disponibile in casa.

Il prezzo medio di una palette di trucchi con un pennello e cinque colori è di circa 6,50 euro, calcola Federconsumatori, mentre un kit più completo (otto colori, un pennello e una spugnetta) ha un costo di circa 24 euro, con un aumento, dal 2020, di rispettivamente +8% e +13%.

Importante in questi casi è «prestare la massima attenzione alla sicurezza, acquistando solo trucchi certificati: in particolare è opportuno verificare la presenza del marchio CE, che garantisce la conformità alla normativa europea e controllare che sulla confezione sia riportato l’elenco degli ingredienti – evidenzia Federconsumatori – È inoltre buona norma evitare l’acquisto di prodotti che presentino un involucro danneggiato, poiché il deterioramento della confezione potrebbe derivare da condizioni di conservazione non ottimali. Riutilizzare i trucchi dello scorso anno potrebbe non essere una buona idea: attenzione alle indicazioni sulla scadenza!».

Carnevale 2023, quanto costa una festa?

E se si vuole organizzare una festa privata? Attenzione perché si superano abbondantemente gli 800 euro per una serie di voci che comprendono affitto sala, diritti Siae, fotografo, animatore e truccatore (senza mettere in conto il buffet).

Federconsumatori stima che oltre alle spese per l’affitto della location, che ammontano a circa 250 euro, bisogna mettere in conto i costi dei diritti SIAE (171,50 euro) a cui si possono aggiungere ulteriori spese nel caso in cui si voglia arricchire l’evento con la presenza di un fotografo (150 euro), di un animatore (160 euro) e di un truccatore (100 euro). A questa voce va poi aggiunta quella del buffet, che naturalmente dipende dal numero di invitati. L’associazione stima che servano 15 euro a persona.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)