#BastaVaschette, Marevivo lancia campagna contro la plastica monouso per frutta e verdura (Immagine concessa alla campagna dalla Galleria Borghese, fonte www.marevivo.it)

Non servono gli imballaggi in plastica per comprare frutta e verdura. Contro l’inquinamento da plastica  Marevivo ha lanciato la campagna #BastaVaschette per dire no agli imballaggi di plastica monouso, a partire da quelli usati per frutta e verdura. Marevivo fa una richiesta semplice: una legge che vieti l’utilizzo di confezioni in plastica monouso per frutta e verdura. In Francia ad esempio l’utilizzo di imballaggi in plastica è già vietato per una trentina di prodotti ortofrutticoli freschi con confezione che non supera 1,5 kg.

#BastaVaschette contro la plastica monouso

Ogni anno in Italia, ricorda Marevivo nella campagna lanciata insieme a Zero Waste Italy, vengono usate più di 1,2 miliardi di vaschette in plastica per vendere ortofrutta e si stima che nei prossimi anni aumenteranno addirittura del 35%. L’invito è quello di scegliere frutta e verdura sfusi, che hanno già un involucro protettivo naturale.

L’immagine della campagna, su gentile concessione della Galleria Borghese, è il capolavoro Giovane con canestra di frutta di Caravaggio, laddove la frutta è confezionata in brutte vaschette di plastica che inquinano la bellezza dell’immagine.

#BastaVaschette richiama dunque a un’azione semplice che limiti l’uso di plastica monouso – qual è infatti la ragione di un packaging di questo tipo per l’ortofrutta? – e invita i consumatori alla scelta di prodotti sfusi.

#BastaVaschette per acquisti consapevoli

“La campagna #BastaVaschette – si legge sul sito di Marevivo – nasce per sensibilizzare l’opinione pubblica, invitando i consumatori all’introduzione di abitudini di acquisto consapevoli che possano andare nella direzione di una vera e propria economia circolare. L’obiettivo è ridurre l’utilizzo di queste confezioni, molto spesso non riciclabili, dannose non solo per l’impatto ambientale dato dalla produzione e dallo smaltimento dei materiali di imballaggio – che spesso finiscono in mare dove rimangono per sempre, sminuzzandosi e rappresentando una minaccia per gli animali che lo abitano – ma anche e soprattutto per il fatto che può contaminare gli alimenti, rilasciando sostanze dannose per la salute dell’uomo”.

L’iniziativa è in linea con la proposta di regolamento della Commissione europea, che intende limitare il ricorso agli imballaggi in plastica monouso, promuovendone il riuso e il riciclo, e con l’entrata in vigore dal 1° gennaio 2023 dell’etichettatura ambientale, che impone l’obbligo di comunicare ai consumatori la destinazione finale di una confezione e i materiali di cui è composta.

Emergenza plastica

La plastica è ormai emergenza planetaria, con consumi enormi e quantità infinite di materiali plastici che inquinano mare e oceano. Attualmente, ricorda ancora Marevivo, gli imballaggi sono tra i principali prodotti a impiegare materiali vergini: il 40% della plastica e il 50% della carta utilizzati in tutta l’Unione europea sono destinati esclusivamente all’imballaggio.

«Non c’è più tempo: se non si agisce in fretta, entro il 2030 l’UE vedrebbe un ulteriore aumento del 19% dei rifiuti provenienti da imballaggi e, in particolare, del 46% dei rifiuti provenienti da imballaggi di plastica – spiega ancora Marevivo – È necessario che la riduzione parta da ognuno di noi e dalle nostre scelte: ogni cittadino europeo genera infatti quasi 180 kg di rifiuti di imballaggio l’anno, circa mezzo chilo al giorno, e scegliere di acquistare prodotti sfusi ridurrebbe dell’80% l’utilizzo della plastica per questa categoria di prodotti».

Federazione Gomma Plastica non ci sta

Contro la campagna pubblicitaria si è espressa invece Unionplast, la Federazione Gomma Plastica.

“La campagna in questione – si legge in una nota – include espressioni gravemente lesive con riguardo al settore che la scrivente Federazione rappresenta, quali quella secondo cui i contenitori monouso in plastica “possono contaminare gli alimenti rilasciando sostanze dannose”, destituita di ogni fondamento scientifico e del tutto ingannevole, e l’affermazione secondo cui i contenitori in questione “soffocano il mare e l’ambiente”. La Federazione Gomma Plastica – Unionplast, dunque, ha provveduto a diffidare le associazioni autrici di tale campagna a rimuovere ogni riferimento ad essa e, qualora fosse necessario, procederà a tutelare gli interessi del proprio settore produttivo di riferimento in sede giudiziale”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)