Pesticidi negli alimenti, il Dossier di Legambiente

Pesticidi negli alimenti, il Dossier di Legambiente

L’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR) ha pubblicato i risultati di uno studio sulle differenze tra una dieta vegana e mista riguardo gli apporti di iodio e vitamina B12. La ricerca, dal titolo “Rischi e benefici di una dieta vegana”, ha valutato l’apporto di nutrienti in 36 persone che seguono una dieta vegana e 36 persone con una dieta mista. Il team di ricerca ha analizzato i campioni di sangue e urina e ha valutato i questionari sullo stile di vita e protocolli dietetici. Il campione era costituito da 18 donne e uomini per gruppo di età compresa tra 30 e 60 anni. Tra i partecipanti quasi tutti quelli che seguivano una dieta vegana e un terzo di coloro che seguivano una dieta mista avevano assunto integratori alimentari diversi.

I risultati dello studio “Rischi e benefici di una dieta vegana”

Non sono state rilevate differenze significative per quanto riguarda la vitamina B12, che era presente approssimativamente nella stessa quantità nel sangue di entrambi i gruppi. Poiché la vitamina B12 è assorbita quasi esclusivamente dal cibo animale, l’apporto dei partecipanti che seguono una dieta vegana potrebbe essere dovuto all’assunzione tramite integratori alimentari. “Questo studio consente di confrontare una dieta vegana con una dieta mista per quanto riguarda una varietà di vitamine e oligoelementi. – Ha detto il presidente della BfR, il professor Dr. Andreas Hensel – Entrambe le diete studiate hanno rivelato una mancanza di iodio. Tuttavia, la carenza è chiaramente più evidente nella variante vegana“.

La maggior parte dei partecipanti presentava una carenza per quanto riguarda l’oligoelemento iodio. L’escrezione di iodio misurata nei campioni di urina fornisce informazioni su quanto il corpo riceve l’oligoelemento. La carenza era significativamente più pronunciata tra i vegani: in un terzo di loro, il livello era inferiore a 20 microgrammi per litro (μg / L), il limite definito dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS); qualsiasi cosa al di sotto di questo rappresenta una grave carenza. Una dieta vegana, tuttavia, ha anche mostrato benefici per la salute. Ad esempio, un maggiore apporto di fibre e bassi livelli di colesterolo. Per entrambe le diete, circa il 10% dei partecipanti aveva una carenza di ferro.

Sale iodato

Lo iodio, a cosa serve e in quali cibi è presente

Lo iodio è un micronutriente fondamentale per il corretto funzionamento della tiroide. Se non assunto a sufficienza, la ghiandola non è in grado di produrre quantità sufficienti di ormoni tiroidei. Le conseguenze sono una serie di disturbi da carenza iodica. Tra gli alimenti lo troviamo soprattutto nei pesci di mare, nei crostacei, nelle uova, nel latte e nella carne. Quantità minori sono contenute nei vegetali e nella frutta, ma la presenza dipende dallo iodio presente nel terreno in cui vengono coltivati.

Una fonte importante di iodio è il sale iodato, ovvero sale da cucina a cui sono stati aggiunti dei sali di iodio. Ogni grammo di iodato fornisce 30 microgrammi di iodio in più. Nell’ottica di non abusare nell’assunzione di sodio, la cosa migliore da fare è quella di utilizzare sempre il sale arricchito di iodio monitorando i nostri consumi di sale.

Scrive per noi

Silvia Biasotto
Silvia Biasotto
Sono quello che mangio. E sono anche quello che scrivo, parafrasando Ludwig Feuerbach. Nella mia vita privata e nella mia professione ho sempre amato conoscere, sperimentare e scrivere di cibo. La sicurezza e la qualità alimentare sono le principali tematiche di cui mi occupo ad Help Consumatori oltre che la tutela del cittadino in generale. Una passione che mi accompagna in questa redazione sin dal 2005 quando sono giunta sulla tastiera di HC a seguito del tirocinio del primo Master universitario in tutela dei consumatori presso l’Università Roma Tre. E ovviamente la mia tesi fu sulla Sicurezza dei prodotti!

Parliamone ;-)