Rincari, Intesa Sanpaolo interviene con 8 miliardi a sostegno delle famiglie

Rincari, Intesa Sanpaolo interviene con 8 miliardi a sostegno delle famiglie (fonte immagine: Pixabay)

Rincari, Intesa Sanpaolo interviene con altri 8 miliardi a sostegno delle famiglie

Tre le linee di intervento di Intesa Sanpaolo: prestiti personali a tasso fortemente agevolato con durata fino a 20 anni, destinati a redditi ISEE fino a 40.000 euro; possibilità di sospendere le rate di mutui e prestiti; acquisti e bollette rateizzabili a tasso zero. Le AACC chiedono interventi analoghi agli altri istituti di credito e l’istituzione di un fondo di garanzia al Governo

Intesa Sanpaolo mette a disposizione ulteriori 8 miliardi di euro per aiutare le famiglie ad affrontare i rincari, dall’aumento delle bollette per luce e gas al maggior costo dei beni di consumo.

“Una iniziativa – sottolinea Intesa in una nota – frutto anche del costante dialogo con le principali associazioni dei consumatori e del puntuale ascolto delle esigenze della clientela”.

Con questo intervento il pacchetto di aiuti stanziato dalla banca per imprese e famiglie ammonta a 30 miliardi di euro.

L’intervento di Intesa Sanpaolo a favore dei cittadini

La banca ha definito tre linee di intervento a sostegno delle famiglie.

In primis, 500 milioni di euro destinati ai clienti della banca da almeno 6 mesi con ISEE massimo di 40.000 euro e con un reddito mensile di almeno 500 euro. Potranno accedere ad un prestito personale a tasso fortemente agevolato, senza costi accessori, diluibile in 20 anni di durata. L’importo massimo è di 6.000 euro.

Cinque miliardi di euro è l’impegno della Banca per sospendere il pagamento o rimodulare le rate di mutui e prestiti. In particolare, oltre un milione di clienti titolari di mutuo o prestito possono beneficiare dell’iniziativa. Inoltre, fino a dicembre, i nuovi contratti includeranno gratuitamente la flessibilità per la gestione della rata.

Ulteriori 2,5 miliardi di euro verranno messi a disposizione grazie alla possibilità di rateizzare acquisti e pagamenti, utenze comprese, a tasso zero, per una durata di sei mesi. L’opzione è attivabile direttamente dal cliente tramite i canali digitali.

“Salgono a 30 miliardi di euro gli interventi che Intesa Sanpaolo ha varato a favore delle imprese e delle famiglie per sostenere i maggiori costi legati agli aumenti energetici e alla spesa quotidiana. Confermiamo così il nostro ruolo di riferimento per l’economia reale, con un’attenzione particolare ai bisogni sociali – ha sottolineato Carlo Messina, Consigliere Delegato e Ceo di Intesa Sanpaolo -. Se ci sarà inoltre la possibilità che lo Stato istituisca un fondo di garanzia per tali finalità, siamo disponibili ad incrementare ulteriormente le risorse stanziate, rendendo ancora più efficace la sinergia tra pubblico e privato per arginare gli effetti della crisi”.

 

bollette

 

Associazioni: positiva l’iniziativa di Intesa

Per Federconsumatori quella di Intesa Sanpaolo è “Un’operazione importante a sostegno delle famiglie e delle piccole e medie imprese, che stanno pagando a caro prezzo le conseguenze dell’attuale crisi”.

“Apprezziamo fortemente tale iniziativa, anzi invitiamo gli altri istituti di credito e le stesse aziende che operano nel settore energetico ad assumere provvedimenti simili: consentendo rateizzazioni lunghe, a tasso zero, a beneficio delle famiglie più in difficoltà – prosegue l’associazione. – Altrettanto, a nostro avviso, dovrebbe fare il Governo, che, oltre ad ampliare la platea dei bonus sociali per elettricità, acqua e gas e ad istituire un fondo per la povertà energetica, dovrebbe destinare una apposita garanzia pubblica per aiutare famiglie e imprese a sostenere una situazione di emergenza. In tal modo si favorirebbe l’accesso al credito agevolato, consentendo una rateizzazione lunga delle bollette, anche a famiglie più vulnerabili”.

In quest’ottica, Federconsumatori ribadisce la richiesta di disporre una sospensione dei distacchi di energia elettrica e gas per morosità. “È necessario, inoltre, istituire un Albo dei venditori autorizzati ad operare nel settore dell’energia, da accreditare in base a requisiti di solidità patrimoniale e garanzie finanziarie, esperienza e competenza industriale, correttezza commerciale, impegno per la sostenibilità”.

Anche le associazioni dei consumatori Adiconsum, Adoc, Assoutenti, Codacons, Confconsumatori, Lega Consumatori, Associazione Utenti Radiotelevisivi esprimono grande apprezzamento per l’intervento di Intesa Sanpaolo a favore di famiglie e imprese.

“Intesa Sanpaolo ha accolto il grido d’allarme delle associazioni dei consumatori, varando una misura realmente in grado di sostenere sia le famiglie, sia le piccole imprese, trasformando in fatti concreti le istanze presentate dagli utenti – spiegano le associazioni – Un pacchetto di misure che ottiene l’apprezzamento dei consumatori, e che ci spinge oggi a chiedere a tutti gli altri istituti bancari di varare interventi analoghi, nella consapevolezza che la battaglia al caro-energia, al di là delle misure che adotteranno Governo e Ue, va combattuta in modo unitario da imprese e consumatori, per evitare un disastro economico senza precedenti”.

“Infine – concludono le Associazioni – non è più rinviabile l’istituzione di un fondo di garanzia fortemente necessario – come richiedono le associazioni dei consumatori e lo stesso Ad di Intesa, Carlo Messina – a salvaguardia dei debiti energetici delle imprese e delle famiglie”.

Anche il Movimento Difesa del Cittadino «esprime vivo apprezzamento per l’iniziativa di Banca Intesa Sanpaolo, che ha deciso di stanziare ulteriori 8 miliardi di euro a sostegno delle famiglie che si troveranno a fare i conti con i rincari dell’energia e della spesa. In totale il pacchetto aiuti ammonta a ben 30 miliardi e attraverso una serie di misure concrete – e grazie al costante dialogo con le principali associazioni dei consumatori e del puntuale ascolto delle esigenze della clientela – si metteranno le famiglie e le imprese nelle condizioni di ottenere prestiti personali a tassi agevolati; di veder sospese le rate di mutui e prestiti; di effettuare acquisti e pagare bollette a rate con tasso zero. Consapevole dell’importanza dell’impegno manifestato concretamente da Intesa Sanpaolo e dell’aggravarsi della crisi, il Movimento Difesa del Cittadino – conclude l’associazione – auspica quindi che tali iniziative possano presto e con la stessa importanza estendersi a tutto il settore del consumo».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Parliamone ;-)