test coronavirus

Tamponi rapidi, le irregolarità trovate dai Nas in farmacie e centri convenzionati

Tamponi rapidi, Carabinieri del Nas chiudono 21 punti prelievo

I Carabinieri del Nas hanno svolto una campagna di controlli su farmacie e centri analisi per la corretta esecuzione dei tamponi rapidi. Su 1360 punti controllati, trovate irregolarità nel 12,5% dei casi: personale non qualificato, locali non idonei e anche tamponi e kit reagenti non regolari. Sospensione per 21 attività

Tamponi rapidi per il Covid privi di documentazione di conformità e non regolari, che potevano dare risultati inattendibili. Test fatti in locali non idonei, o da personale non qualificato, o senza eseguire le corrette procedure di identificazione delle persone attraverso codice fiscale e carta di identità. I Carabinieri del Nas hanno chiuso in tutta Italia 21 punti prelievo per i tamponi rapidi.

In tutto hanno controllato 1360 farmacie e centri di analisi e hanno trovato irregolarità nel 12,5% dei casi, contestando in tutto 282 violazioni.

Tamponi rapidi e falsi positivi

Il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute ha avviato, d’intesa con il Ministero della Salute, una vasta campagna di accertamenti per verificare la corretta esecuzione di tamponi e analisi antigeniche per la ricerca del Covid-19 nei punti prelievo delle farmacie e centri di analisi che hanno aderito al protocollo d’intesa col Ministero e con il Commissario straordinario per l’emergenza Covid.

I controlli dei Carabinieri dei NAS, informa una nota, sono partiti dallo scorso mese in tutta Italia soprattutto per contrastare il fenomeno dei “falsi positivi” e cioè persone già risultate positive che si presentano presso un punto di prelievo con la tessera sanitaria di un altro soggetto “no vax” al fine di fargli ottenere, alla scadenza del periodo di quarantena e successivamente a un test negativo effettuato da quest’ultimo, il “green pass”.

Per questo i carabinieri hanno soprattutto verificato che, all’esecuzione dei tamponi rapidi, farmacie e centri richiedessero il documento di identità insieme alla tessere sanitaria, in modo da identificare correttamente i cittadini che si sottoponevano al test.

Non hanno trovato però irregolarità solo sulle procedure di identificazione ma anche sulla formazione del personale e sulla stessa regolarità dei tamponi rapidi usati.

 

I controlli sui tamponi rapidi: le irregolarità

I Nas hanno controllato, nell’ultimo mese, 1.360 farmacie e centri di analisi e hanno trovato irregolarità presso 170 di essi (pari al 12,5%).

Sono state contestate 282 violazioni legate a motivi diversi.

Fra questi c’è l’uso di tamponi e kit reagenti non regolari che, non rispettando gli standard richiesti, potevano fornire un risultato inattendibile.

C’è poi la mancata identificazione e registrazione delle persone che si sottoponevano a tampone. Sono state trovate irregolarità nella comunicazione delle risultanze nella piattaforma sanitaria informatica.

Altre contestazioni riguardano l’inadeguatezza delle figure professionali impiegate nell’esecuzione dei tamponi, in quattro casi fatti da personale non qualificato e in altri casi privo del green pass obbligatorio.

A volte i tamponi rapidi venivano fatti in ambienti non idonei, in androni di condominio o sottoscala, in locali promiscui (tamponi fatti negli stessi locali destinati alla vendita di farmaci) o in totale assenza di autorizzazione regionale, aumentando il rischio di contagio.

Alla fine delle ispezioni i carabinieri hanno sospeso l’attività di di 21 punti di prelievo di tamponi rapidi condotti in condizioni igienico-strutturali carenti e con modalità non compatibili con la prosecuzione dell’attività.

Sono stati sequestrati complessivamente 677 kit per tamponi rapidi risultati non idonei e individuati 18 operatori che svolgevano l’attività sebbene privi del green pass.

L’estensione delle verifiche ha inoltre consentito di accertare ulteriori violazioni connesse con la regolare tenuta di farmaci e dispositivi medici, eseguendo il sequestro di 650 confezioni di medicinali defustellati e 25.300 mascherine facciali irregolari.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)