Caro riscaldamento, Federconsumatori: gli aumenti variano dal +49% al +99%

Caro riscaldamento, Federconsumatori: gli aumenti variano dal +49% al +99% (Fonte immagine: Pixabay)

Sarà un autunno difficile, pieno di rincari e rinunce per i consumatori: uno dei fronti “più caldi” sarà proprio il riscaldamento. Gas, gasolio riscaldamento, pellet: qualunque sia la tipologia di alimentazione della caldaia utilizzata, gli aumenti saranno salatissimi – osserva Federconsumatori, che ha effettuato uno studio sui costi che le famiglie dovranno sostenere per il riscaldamento nell’autunno-inverno 2022-2023.

In particolare, secondo l’analisi dell’associazione, gli aumenti variano dal +49% per il gasolio riscaldamento, al +62% per il gas in regime di maggior tutela, al +99% per il pellet.

Riscaldamento, costi per un appartamento di 100 metri quadri

Federconsumatori presenta uno studio dettagliato su un appartamento di 100 metri quadri, analizzando i costi in base alla tipologia di alimentazione della caldaia utilizzata.

Per quanto riguarda il gas metano, stando all’ultimo aggiornamento delle tariffe del gas da parte di Arera, ad oggi (III trimestre 2022 su III trimestre 2021) l’incremento del costo del gas è pari al +46%. Pertanto Federconsumatori prevede, visto l’andamento dei mercati, un incremento complessivo in bolletta del +62%, con una spesa di 1.479 euro nel 2022-2023, rispetto ai 912 euro del 2021-2022.

 

pellet riscaldamento

 

Nel caso in cui il proprio impianto sia alimentato a gasolio (questa è la tipologia più diffusa di caldaie condominiali) la spesa ammonterà, quest’anno, a 2.309 euro, il +49% rispetto al 2021-2022 (1.545 euro annui).

Nel caso, invece, di caldaia alimentata a pellet, il rincaro sarà ancora più rilevante: il costo di un sacco da 15 kg di pellet è infatti raddoppiato rispetto allo scorso anno, passando da 5 euro a 10 euro. Per riscaldare la tipologia di appartamento preso in esame una famiglia spenderà, quindi, 1.333 euro nel 2022-2023, il 99% in più rispetto ai 670 euro del 2021-2022.

“Aumenti che si riverberano sui beni di largo consumo e che solo in parte sono giustificati dall’andamento inflattivo e dal conflitto in Ucraina – afferma Federconsumatori. – Ecco perché chiediamo interventi immediati del Governo per sostenere famiglie e imprese e un piano capace di ridurre strutturalmente l’impatto delle attività finanziarie sui mercati all’ingrosso dell’energia, insieme con il rafforzamento dei poteri e del raggio di azione di Mr. Prezzi, anche attraverso appositi comitati territoriali di vigilanza, per contrastare ogni fenomeno speculativo“.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

 

Scrive per noi

Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)