Italiani affezionati al bollettino per il pagamento di  luce e gas. Quasi la metà dei clienti paga infatti in questo modo invece di affidarsi al RID e la percentuale è più alta fra i giovani, mentre l’addebito diretto sul conto corrente aumenta con l’aumentare dell’età degli utenti. Ci sono differenze territoriali: le percentuali più alte di chi paga col “vecchio” bollettino sono in Abruzzo, Lazio e Puglia, ma anche nelle province di Roma, Firenze e Bari.

Il dato viene da un’analisi fatta da Facile.it che, esaminando oltre 30.000 contratti luce e gas processati attraverso il sito nel 2017, ha scoperto che quasi un cliente su due (42,50%) preferisce pagare tramite bollettino anziché affidarsi al RID e il dato non varia di molto se si divide l’analisi fra energia elettrica (42,98% chi utilizza ancora il bollettino) e fornitura di gas (41,73%).

Particolare l’andamento delle preferenze di pagamento per fasce di età. La percentuale di chi preferisce pagare tramite bollettino diminuisce all’aumentare dell’età. Se si guarda agli under 25, a scegliere il bollettino è ancora il 46,89% del campione, nella fascia 25-44 è il 44,30%, mentre se si punta l’attenzione su coloro che hanno tra i 45 e i 64 anni la percentuale scende al 41,83%. Il valore raggiunge il suo minimo tra gli over 65, dove solo poco più di 1 persona su 3 (36,90%) sceglie il bollettino.

“Una differenza così ampia tra gli under 25 e gli over 65 è legata principalmente a due ragioni – spiega Mauro Giacobbe, amministratore delegato di Facile.it – La prima è un questione tecnica; gli adulti intestatari di un conto corrente – necessario per pagare le utenze tramite RID – sono sicuramente di più rispetto ai giovani. La seconda ragione è di comodità; scegliere l’accredito diretto su conto corrente significa sia evitare le code per poter saldare tramite bollettino, sia il dover ricorrere a strumenti di pagamento online, modalità sicuramente meno familiare alle fasce più anziane della popolazione”.

Ci sono poi differenze territoriali consistenti. I residenti dell’Abruzzo risultano essere quelli che utilizzano in percentuale maggiore il bollettino: in regione il 49,93% dei clienti opta per questo metodo di pagamento. Seguono in classifica il Lazio, dove la percentuale di chi usa il bollettino è pari al 49,33% e la Puglia, con il 47,44%. Le regioni che invece si stanno spostando decisamente verso pagamento tramite RID sono invece il Trentino Alto Adige, dove quasi 8 intestatari su 10 (78,74%) ricorrono all’addebito diretto sul conto corrente, il Friuli Venezia Giulia (63,75%), il Veneto (61,81%) e la Liguria (61,40%). Differenze che si ripresentano anche nelle grandi province: le aree dove il pagamento col bollettino è più diffuso sono Roma (qui il 47,73% sceglie questa modalità di pagamento), Firenze (45,97%), Bari (45,25%) e Milano (43,40%). Percentuali di poco inferiori alla media nazionale per Torino (41,16%), Bologna (40,67%) e Napoli (40,40%). Le province nelle quali invece lo strumento tradizionale viene usato sempre meno, a favore del RID, sono Genova, dove solo 1 persona su 3 (36,67%) paga ancora tramite bollettino, Palermo (37,33%) e Venezia (37,69%). “A spingere molti verso l’accredito diretto – dice Giacobbe – è anche una questione di risparmio; sono diversi gli operatori del libero mercato che offrono tariffe scontate a chi sceglie la domiciliazione della bolletta. Oltre a questo va considerato anche che, per legge, i fornitori esonerano chi opta per il RID dal deposito cauzionale previsto in caso di pagamento con bollettino”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

1 thought on “Luce e gas, Facile.it: quasi un italiano su due paga col bollettino

  1. Quando avevo il pagamento con il RID mi sono visto addebitare da un gestore di energia elettrica un “conguaglio” di 2000€ e dopo una lunga e difficile azione legale mi è stato riconosciuto (dopo 2 anni) l’errore che si riferiva a soli 200€.La restituzione della differenza (1800€) mi è stata accreditata dopo altri 2 anni .Pertanto da quella esperienza ho tolto tutti gli addebiti bancari e sono ritornato al vecchio e caro bollettino postale.

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: