Cartucce non originali nelle stampanti, arrivano i chiarimenti di Epson e Lexmark (foto Pixabay)

Cartucce non originali nelle stampanti? I consumatori devono avere le adeguate informazioni e sapere che alcuni software bloccano l’uso di ricariche non originali. Dopo l’intervento di moral suasion dell’Antitrust, Epson e Lexmark chiariscono i limiti all’utilizzo di cartucce non originali per le stampanti e integrano le comunicazioni diffuse attraverso le scatole delle stampanti, il proprio sito internet e gli avvisi mostrati in occasione sia dell’aggiornamento del software sia dell’utilizzo delle stampanti.

Azione Antitrust: servono informazioni sulle cartucce stampanti

L’Antitrust, informa una nota, ha invitato con una moral suasion Epson e Lexmark a informare i consumatori se le proprie stampanti funzionano con cartucce di inchiostro/toner non originali o se richiedono, attraverso strumenti digitali (software). l’utilizzo esclusivo di cartucce originali. La questione riguarda anche gli aggiornamenti che vengono rilasciati in seguito, integrando così le caratteristiche essenziali per poter effettuare una scelta economica, informata e consapevole.

Secondo l’Autorità «nelle comunicazioni al pubblico non veniva esplicitato il fatto che, in alcune stampanti a marchio Lexmark vendute in Italia, il firmware installato contiene “misure tecniche di protezione” che bloccano l’utilizzo di “ricariche non originali” e permettono solo l’utilizzo di cartucce nuove originali e originali ricaricate o rigenerate da terzi. Allo stesso modo in alcune stampanti a marchio Epson vendute in Italia, il firmware installato contiene istruzioni in base alle quali viene instaurato un processo di dialogo con i chip delle cartucce e le stampanti funzionano solo se riconoscono le cartucce».

Sono informazioni fondamentali per il consumatore, sia nella fase di acquisto di una stampante sia davanti a un aggiornamento del software.

L’Antitrust sottolinea infatti che «la mancanza di queste informazioni essenziali può indurre in errore i consumatori facendo loro ritenere, al momento dell’acquisto, di poter utilizzare le cartucce non originali, o – al momento dell’utilizzo – che il blocco della stampante possa derivare da carenze o da difetti delle cartucce non originali e non dal software installato».

In risposta all’invito dell’Autorità a rimuovere i profili di possibile scorrettezza, Epson e Lexmark hanno integrato le comunicazioni rivolte agli eventuali acquirenti chiarendo questa specifica caratteristica sia al momento dell’acquisto che a quello della proposta di aggiornamento del firmware.

Epson ha incluso messaggi del seguente tenore: Stampante il cui firmware contiene un sistema di riconoscimento delle cartucce. Gli aggiornamenti del firmware sono testati con cartucce originali Epson. Se si utilizzano cartucce non originali, questi aggiornamenti potrebbero avere un impatto sulla funzionalità delle stesse.

Lexmark ha integrato le comunicazioni in questo modo: “Questa stampante è progettata per funzionare esclusivamente con cartucce Lexmark Return Program con un chip nuovo e originale. Questa stampante funziona anche con cartucce Lexmark Regular originali nuove, riutilizzate o ricaricate. Lexmark utilizza misure tecniche di protezione volte a disabilitare la stampante se vengono rilevate cartucce con un chip non Lexmark, cartucce contraffatte e/o cartucce Return Program esauste. Gli aggiornamenti del firmware mantengono l’efficacia di queste misure e possono bloccare qualsiasi delle suddette cartucce, incluse quelle in precedenza funzionanti”. “Cartuccia non originale disabilitata da misure di protezione perché contiene chip non Lexmark. Per maggiori informazioni, vedi FAQ su www.lexmark.com o scansiona codice QR.”

UNC: serve libertà di scelta

Per l’Unione Nazionale Consumatori serve invece libertà di scelta nell’acquisto e nell’uso delle cartucce per le stampanti.

«Una decisione inadeguata! Il consumatore deve poter scegliere liberamente tra cartucce originali e non, altrimenti il monopolio della casa produttrice della stampante diventa una posizione dominante che permette abusi, come ad esempio prezzi esagerati e ingiustificati – commenta il presidente UNC Massimiliano Dona – Insomma il cliente non può essere costretto a usare solo cartucce originali, anche se preventivamente e sufficientemente informato!».

«È noto che oramai le stampanti costano poco e che le case produttrici, tutte, si rifanno sui prezzi delle cartucce – prosegue Dona – Serve concorrenza anche in questo settore. Chi acquista un stampante non può essere costretto a comperare un solo tipo di cartuccia per tutta la vita della stampante».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)