Sì, guidare!, UNC e ANIASA lanciano il podcast con i consigli sull'autonoleggio

Sì, guidare!, UNC e ANIASA lanciano il podcast con i consigli sull'autonoleggio

Per il ponte del 2 giugno qualcuno ricomincia a viaggiare. Quasi 9 milioni di italiani si sposteranno in Italia per questo primo “assaggio” d’estate, un valore lontano dal periodo pre-pandemia ma che in qualche modo segna il ritorno alla “normalità” e lascia coltivare la speranza per l’estate.

Certamente, se si guarda al profilo dei viaggiatori che approfitterà del ponte del 2 giugno, emerge un identikit ben definito. Chi parte rimane in Italia, anzi resta (in quasi sette casi su dieci) nella stessa regione di residenza, per il 30% in casa di proprietà e per un altro 25% in casa di parenti e amici. È insomma il movimento turistico di chi si sposta nelle seconde case o va a trovare familiari e amici vicini, quello fotografato per il ponte. In ogni caso, numeri che vengono accolti come un “mezzo miracolo” da Federalberghi.

 

 

ponte due giugno
Ponte del 2 giugno 2021. Fonte: Federalberghi

 

Verso il ponte del 2 giugno

I dati vengono infatti da Federalberghi che ha presentato i risultati il risultato dell’indagine effettuata dall’Istituto ACS Marketing Solutions sul movimento turistico degli italiani per il ponte del 2 giugno ma anche riguardo le previsioni per l’estate 2021. Oltre la metà degli italiani sembra intenzionata a partire nei mesi estivi. Più propensi coloro che hanno ricevuto o stanno per ricevere la prima dose di vaccino.

«Per il ponte del 2 giugno è previsto un movimento turistico di quasi 9 milioni di italiani che, per i loro spostamenti, prediligeranno il Belpaese – dice il presidente Federalberghi Bernabò Bocca – Per quanto si tratti di un valore inferiore rispetto agli exploit dell’era pre-covid in periodi analoghi, in questo momento e dopo un anno come il 2020 vissuto in totale oscurità, sembra di poter gridare al miracolo. La voglia di partire oggi corrisponde al bisogno degli italiani di ricominciare, lasciandosi alle spalle grazie alla vacanza i residui di un annus horribilis, anche alla luce della maggior sicurezza acquisita con la campagna vaccinale che sta procedendo a passo spedito».

Quasi 9 milioni in partenza e tutti in Italia

Il ponte del 2 giugno vedrà dunque in partenza circa 8,8 milioni gli italiani che si concederanno “un primo assaggio di vacanze estive” e dormiranno almeno una notte fuori casa.

Rimarranno quasi tutti in Italia e circa sette su dieci (69,6%) si muoveranno all’interno della regione di residenza, mentre il 22,5% si sposterà in qualche regione vicina a quella di residenza. Solo il 5,5% farà un viaggio un po’ più lungo.

Oltre la metà alloggerà in casa. L’alloggio vede infatti l’affermazione della casa di proprietà con il 30,3% della domanda. Seguono la casa di parenti o amici con il 25,8% e la struttura alberghiera con il 21%.

 

ragazzi al mare

 

E per l’estate 2021?

Un primo sguardo d’insieme dice che oltre la metà degli italiani (54,5%) ha in programma o sta pensando a una vacanza nei mesi estivi (non giugno, che è più complicato perché le riaperture sono ancora in divenire). È una propensione più diffusa fra chi è vaccinato o sta per ricevere almeno la prima dose di vaccino contro il Covid-19.

La destinazione prescelta anche per l’estate è l’Italia in quasi il 90% dei casi (89,6%). Nel segno della tradizione, la meta preferita rimane il mare (72,7%), seguito dalla montagna (8,4%). Per l’estate si alloggerà prevalentemente in albergo (28,1%), seguito da casa di parenti e amici (17,8%), dai bed & breakfast (16,7%) e dalla casa di proprietà (12,8%).

«Dando proprio uno sguardo alle previsioni per la stagione estiva – ha detto il presidente Federalberghi Bocca – colpisce constatare che il 54,5% degli italiani (maggiorenni e minorenni) abbia in programma o comunque stia valutando l’ipotesi di organizzare una vacanza nei prossimi mesi. Il top delle preferenze continua a guadagnarlo il mese di agosto (64,1%), seguito da luglio e settembre. Giugno non mostrerà una particolare performance, anche a fronte del fatto che le date delle riaperture sono state rese note in tempi non adeguati a garantire una buona programmazione per quel mese. Ma resta il fatto che la Festa della Repubblica, cadendo nella giornata di mercoledì, offre comunque la possibilità a famiglie e lavoratori di poter usufruire di un tempo più dilatato per pianificare un viaggio».

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)