OSSERVATORIO. Mutui: Fondo di solidarietà al via, quali altri modi per risparmiare?

Ogni tanto si pensa che sarebbe meglio fare la fine di Tom Hanks nel film Cast Away, la storia di un impiegato della FedEx che si trova, moderno Robinson Crusoe, su un’isola deserta lontano da tutto e da tutti, con l’unica compagnia di Wilson, una palla da volley. Il motivo è che si vorrebbe scappare da tutte le preoccupazioni che ci investono, prima tra tutte quella del mutuo, un impegno a lungo termine che grava sulle finanze familiari. Ma per evitare di fare una brutta fine si può decidere di fare un confronto tra i mutui proposti dai migliori istituti di credito, in modo da tutelare sé stessi ed ottenere dei tassi competitivi.

La notizia è risaputa, il Ministero del Tesoro ha pubblicato le linee guida che definiscono i requisiti per accedere alle agevolazioni previste dal Fondo di Solidarietà dei mutui, che fanno riferimento ai mutui per l’acquisto prima casa per importi fino a 250mila euro stipulati da famiglie con un reddito annuo non superiore a 30mila euro, sulla base dell’indicatore Isee. Chi non avrà possibilità di accedere alle agevolazioni previste dal Fondo di Solidarietà, non deve perdersi d’animo. Risparmiare sulla rata è comunque possibile: uno strumento che può rivelarsi utile è la surroga del mutuo. Surrogare significa cambiare il mutuo acceso con uno di un’altra banca, a tassi più vantaggiosi, senza dover pagare nuovamente le spese iniziali (istruttoria, perizia e costi notarili).

Tramite il portale dei mutui di Supermoney abbiamo effettuato un confronto per una famiglia che vuole surrogare il vecchio mutuo per un importo pari a 100.000 euro, da corrispondere in 20 anni. Abbiamo confrontato sia i mutui a tasso fisso che i mutui a tasso variabile, per scoprire quali sono le offerte più convenienti sul mercato. Nel caso del tasso variabile il primo risultato in ordine di convenienza è Mutuo Arancio di Ing Direct che prevede una rata mensile di 515,41 euro e un taeg del 2,22%, pochi euro di distacco per il secondo e il terzo mutuo che sono Mutuo Sostituzione di IwBank e Mutuo Variabile BCE di Webank, entrambi con una rata di 520,32 euro e un taeg del 2,32%. Nel caso dei mutui a tasso fisso, sempre tenendo conto dei parametri indicati, i primi tre risultati in ordine di convenienza sono il mutuo Fisso di Webank con una rata mensile di 624,58 euro e un taeg del 4,43%, il mutuo Sostituzione di IwBank con rata mensile di 628,88 € e taeg del 4,52% e il Mutuo Famiglia Surroga della Banca popolare dell’Emilia Romagna con taeg del 4,98% e rata di 649,76 euro. Confrontare i mutui aiuta a risparmiare e sicuramente una attenta valutazione dei propri bisogni e della propria capacità di restituzione del debito permette non solo di orientarsi con maggiore capacità critica nell’ampia panoramica dell’offerta di mercato, ma anche di effettuare scelte consapevoli e a tutto vantaggio del bilancio familiare.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.