1. Skip to navigation
  2. Skip to content
  3. Skip to sidebar



Archivio della categoria ‘Fisco’

Pagamento IVA, Corte Ue: si può essere “condannati” due volte per lo stesso reato

giovedì, 12 gennaio, 2017

Si può essere puniti due volte per lo stesso reato? Secondo il principio “ne bis in idem” la risposta dovrebbe essere negativa tuttavia, la Corte di giustizia europea ha espresso un parere contrario sulla questione. Diversi Tribunali penali italiani (Tribunale di Santa Maria Capua Vetere e Tribunale di Bergamo) si trovano a giudicare alcune ipotesi di reato di omesso versamento dell’IVA. Gli imputati (o indagati) sono però già stati “condannati” in via definitiva dall’Agenzia delle Entrate a pagare, per gli stessi fatti, una sanzione pecuniaria. (altro…)



Canone Rai, entrate per 2.050 milioni, UNC: bene, ma allora canone a 85 euro

lunedì, 9 gennaio, 2017

Nel periodo gennaio-novembre 2016 le entrate per il canone televisivo finora pervenute ammontano a 2.050 milioni di euro, ha comunicato il Ministero dell’Economia e delle Finanze. (altro…)



Commissione Ue, in vigore nuove norme per il ruling fiscale: più trasparenza

mercoledì, 4 gennaio, 2017

La Commissione ha accolto con favore l’entrata in vigore di nuove norme intese a garantire che gli Stati membri dispongano di tutte le informazioni di cui hanno bisogno sui ruling fiscali emanati nei confronti di società multinazionali di altri paesi dell’UE. (altro…)



Canone Rai 2017, UNC: 90 euro in 10 rate, ecco le regole e le esenzioni

giovedì, 22 dicembre, 2016

Nel 2017 il canone Rai sarà di 90 euro e sarà addebitato sulla bolletta in dieci rate. In vista della nuova scadenza, l’Unione Nazionale Consumatori e l’U.Di.Con  – attraverso il progetto “Canone tv in bolletta. Assistenza ai consumatori”, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico – forniscono informazioni agli utenti su scadenze, regole ed esenzioni. Quali?   (altro…)



Canone tv, UNC: la Rai annunci la scadenza per la dichiarazione di non possesso

lunedì, 19 dicembre, 2016

Chi non possiede la tv può comunicarlo entro il 31 gennaio, ma è preferibile che lo faccia prima. Entro il 20 dicembre, domani, se presenta la dichiarazione per posta. Tutto questo per evitare che la rata sia addebitata già a gennaio e costringa poi alla presentazione di una richiesta di rimborso. L’Agenzia delle Entrate è tornata a ricordare queste scadenze; “sforzi ammirevoli”, dice l’Unione Nazionale Consumatori, che chiede alla Rai di annunciarlo chiaramente alla fine dei tg e dei programmi, perché questa sorta di “doppia” scadenza è davvero poco nota. (altro…)



Fisco, Oxfam: paradisi fiscali alimentano la disuguaglianza

mercoledì, 14 dicembre, 2016

“L’elusione fiscale delle multinazionali costa ai paesi più poveri almeno 100 miliardi di dollari ogni anno, una cifra sufficiente a mandare a scuola 124 milioni di ragazzi e a coprire le spese sanitarie per salvare la vita di 6 milioni di bambini”. A denunciarlo è Oxfam, che nel rapporto “Battaglia fiscale” ha stilato la classifica dei quindici paradisi fiscali più aggressivi in tutto il mondo, denunciando la pericolosità della corsa globale al ribasso nella tassazione d’impresa. L’Europa è nelle prime posizioni e in piena classifica: fra i suoi paradisi fiscali conta infatti Paesi Bassi, Svizzera, Irlanda, Lussemburgo e Isola di Jersey. (altro…)



Equitalia: rottamazione cartelle, Federcontribuenti: senza correttivi escluse le PMI

martedì, 13 dicembre, 2016

Con il via libera al decreto fiscale, convertito in Legge a novembre, sono state approvate anche le misure riguardanti lo stop a Equitalia e la rottamazione delle cartelle. Secondo Federcontribuenti la manovra presenta alcune criticità, affermando che ”solo un contribuente ogni 4 riesce a rottamare, escluse quasi tutte le PMI”.
(altro…)



Canone Rai: Consumatori offrono assistenza

lunedì, 12 dicembre, 2016

ACU, Adusbef, Asso-consum, Federconsumatori e Lega Consumatori aprono i loro sportelli per dare assistenza ai cittadini impegnati nel pagamento del canone Rai e nell’invio della dichiarazione di non possesso del televisore. Con la fine dell’anno si preparano infatti nuove scadenze anche per il canone della tv pubblica. E come si ricorderà, solo qualche giorno fa l’Agenzia delle Entrate ha diramato una nota in cui spiegava: c’è tempo fino al 31 gennaio 2017 per presentare la dichiarazione in cui si attesta di non avere il televisore, ma è preferibile anticipare i tempi per evitare di dover pagare la prima rata e poi chiedere il rimborso. (altro…)



Canone: scadenza gennaio per dichiarare di non avere tv, ma meglio anticipare

lunedì, 5 dicembre, 2016

Canone tv: c’è tempo fino al 31 gennaio 2017 per presentare la dichiarazione in cui si attesta di non avere il televisore, ma è preferibile anticipare i tempi per evitare di dover pagare la prima rata e poi chiedere il rimborso.Lo ha comunicato l’Agenzia delle Entrate, sottolineando che “visto che la prima rata per il canone tv dell’anno 2017 scatta già a partire dal prossimo gennaio, per evitare il primo addebito e di dover richiedere il rimborso, è preferibile presentare la dichiarazione sostitutiva in via telematica entro la fine di dicembre (o entro il 20 dicembre se viene presentata per posta”). (altro…)



Cittadinanzattiva: tassa rifiuti, nel 2016 pesa 300 euro a famiglia

venerdì, 25 novembre, 2016

Nel 2016 le famiglie hanno pagato circa 300 euro per la tassa sui rifiuti. Le differenze fra una regione e l’altra sono però enormi: la Campania è la regione più cara con una Tari che pesa 427 euro a famiglia, contro i 193 euro del Trentino Alto Adige, la meno cara. In Sicilia si paga in media 381 euro e sono tutte sopra i 300 euro Calabria, Lazio, Liguria, Puglia, Sardegna, Toscana. Nonostante l’aumento della raccolta differenziata un terzo dei rifiuti continua a finire in discarica. Così i dati diffusi oggi da Cittadinanzattiva. (altro…)



Cartelle esattoriali Equitalia, prescrizione in cinque anni per sanzioni amministrative

mercoledì, 23 novembre, 2016

La prescrizione delle cartelle esattoriali derivanti da sanzione amministrativa è quinquennale e non decennale: è quanto sancito dal Tribunale di Milano, determinando la vittoria di un cittadino nei confronti di Equitalia.

Il Giudice di Pace di Milano, a conclusione del procedimento Rg. 25624/16 con la sentenza nr. 10837, ha sancito la prescrizione di alcune cartelle esattoriali contenenti sanzioni amministrative, portando la seguente motivazione: “… Ai sensi dell’art. 209 d.lgs. 285/1992, la prescrizione del diritto a riscuotere le somme dovute a titolo di sanzioni amministrative pecuniarie per le violazioni previste nello stesso codice è regolata dall’art. 28 della legge 689/1981” , il quale prevede che il diritto a riscuotere le somme dovute per le violazioni suddette è di cinque anni dal giorno in cui è stata commessa la violazione.

E continua “tale termine rimane di cinque anni anche a seguito della notifica della cartella esattoriale, in quanto solo il diritto alla riscossione delle sanzioni amministrative pecuniarie, derivante da sentenza passata in giudicato, si prescrive in dieci anni.

Il Codacons invita i cittadini che hanno ricevuto una cartella esattoriale a contattare l’associazione per qualsiasi informazione, tramite i numeri di telefono 02/29419096 – 02/29408196 o tramite l’indirizzo e-mail info@codaconslombardia.it.



Randagismo: tassa sui cani non sterilizzati?

giovedì, 17 novembre, 2016

Stop al randagismo attraverso una tassa sui cani non sterilizzati? Questa la proposta che viene da un emendamento alla legge di Stabilità che prevede di istituire una tassa comunale sui cani che non vengono sterilizzati. La proposta ha dato vita a un’immediata polemica, come del resto era prevedibile: contrari i veterinari e l’Ente nazionale protezione animali. Facile infatti intuire che un nuovo balzello graverebbe sulla spalle di chi è in regola con il microchip e le vaccinazioni del proprio amico domestico e non su quanti non hanno remore nell’abbandonarlo. (altro…)



“Digital tax anche in Italia”: al via campagna per tassare i giganti del web

martedì, 15 novembre, 2016

“Digital tax anche in Italia”. Semplice quanto diretta, certamente al passo coi tempi, la richiesta che arriva dalla campagna online appena lanciata: tassare i giganti di Internet, che fanno enormi profitti ma non pagano le imposte come le altre imprese perché si avvalgono della fiscalità più vantaggiosa di Irlanda e Paesi Bassi. La  richiesta è quella di introdurre una Digital Tax e di applicarla a partire dal primo gennaio dell’anno prossimo. La campagna nasce da Progressi.org insieme al Tax Justice Network e alle associazioni Adoc, Confconsumatori, Movimento Consumatori, Associazione Consumatori Serenissima. (altro…)



Phishing, allerta Equitalia: continuano le email truffa con falsi avvisi di pagamento

martedì, 15 novembre, 2016

Proseguono le email truffa con falsi avvisi di pagamento Equitalia. Di più: è in atto una vera e propria campagna di phishing, tentativi di truffa informatica architettati per entrare illecitamente in possesso di informazioni riservate. La denuncia arriva dalla stessa Equitalia, che si è rivolta alla Polizia Postale e invita a non aprire le email sospette e a non fare i pagamenti richiesti. Attenzione: sono diverse le false email che cercano di trarre in inganno i contribuenti. (altro…)



Airbnb, stop alla tassazione. Ma si riaccende la polemica

martedì, 15 novembre, 2016

Il presidente del Consiglio ci ha messo una pietra sopra affidando il suo commento a twitter. “Nessuna nuova tassa in legge di bilancio, nessuna. Nemmeno Airbnb. Finché sono premier io, le tasse si abbassano e non si alzano #avanti”. Così ha scritto Matteo Renzi in un tweet che dovrebbe aver posto la parola fine a un emendamento alla legge di bilancio che prevedeva una tassazione del 21% sui ricavi di affittacamere e Airbnb, il servizio che permette di affittare online fra privati camere o case per brevi periodi di tempo. (altro…)



Equitalia lancia Se Mi Scordo: un SMS avvisa della cartella

lunedì, 14 novembre, 2016

L’sms anticipa la cartella. Oppure avvisa che i pagamenti delle rate non sono regolari. O che ne manca da pagare solo una. Equitalia ha lanciato il servizio “SMS – Se Mi Scordo” per “proseguire nella riforma del modello di riscossione e nel contempo costruire un nuovo rapporto con i contribuenti – informa una nota stampa – Messaggi sul cellulare o posta elettronica per preannunciare una cartella, per ricordare a chi sta pagando a rate che ne manca soltanto una per decadere, ma anche segnalare che il pagamento delle rate non risulta regolare”. (altro…)