Salerno, il Comune non adotta Carta Servizi: class action di MDC

Class action contro il Comune di Salerno che non ha adottato la Carta dei Servizi, fondamentale per i cittadini perché fornisce informazioni utili sugli standard di qualità dei servizi resi. A depositare l’azione di classe amministrativa al Tar di Salerno è il Movimento Difesa del Cittadino (MDC), attraverso l’avv. Antonio Bruno. Si chiede al Tribunale di accertare e dichiarare l’inadempimento del Comune per l’omessa adozione della Carta dei Servizi, che rappresenta un vulnus ai diritti dei consumatori.

La Carta dei Servizi rappresenta, per gli utenti di un pubblico servizio, un parametro essenziale di valutazione sia in termini quantitativi  che qualitativi. Per ogni servizio pubblico erogato da una Pubblica Amministrazione è obbligatorio redigere una Carta di Servizi.

“L’atteggiamento omissivo di vari Comuni e non solo del  Comune di Salerno – scrive in una nota l’Associazione – inibisce ai consumatori l’esercizio del diritto di accesso alle informazioni garantite, di proporre reclamo, e di adire le vie conciliative e giudiziarie, nonché la possibilità di ristoro in forma specifica o mediante restituzione totale o parziale del corrispettivo versato per l’erogazione del servizio in caso di inottemperanza da parte del gestore”.

L’iniziativa odierna è una delle numerose azioni giudiziarie avviate dall’MDC contro Pubbliche Amministrazioni per la tutela dei diritti dei cittadini/utenti. Il Movimento Difesa del Cittadino ha nella sua storia e nel suo Dna la cura dei rapporti tra cittadini e Pubblica Amministrazione.

Comments are closed.