Inflazione e consumi, Nomisma: i consumatori rinunciano al cibo più costoso

Inflazione e consumi, Nomisma: i consumatori rinunciano al cibo più costoso (Foto di Alexa da Pixabay)

Sugli agricoltori pesa l’aumento dei costi di produzione e i consumatori subiscono l’impatto dell’inflazione: è quanto emerge dallo studio Nomisma per Cia-Agricoltori ItalianiLe nuove sfide per l’agricoltura italiana”, che mostra un’Italia più preoccupata della media Ue, dove il 51% dei cittadini è in difficoltà economiche, contro il 45% del resto d’Europa.

In particolare – si legge in una nota Cia – l’inflazione pesa su tutto il settore food (+13,1% annuo) con picchi per la pasta (+20%), i prodotti lattiero-caseari (+17,4%) e l’olio (+16,2%). Allo stesso tempo, tutti i settori agricoli sono stretti dall’aumento generale dei costi di produzione (+22%), guidati dal +55% della voce energia. Le maggiori tensioni si registrano nell’approvvigionamento degli input tecnici dall’estero, soprattutto fertilizzanti, che per il 62% sono extra-Ue.

Con l’inflazione cambiano le abitudini dei consumatori

L’indagine Nomisma evidenzia anche i cambiamenti nelle abitudini di spesa dei consumatori. Il 98% di loro, infatti, è preoccupato per la crescita dei prezzi alimentari.

Per far fronte ai rincari, l’84% dei consumatori ha modificato la spesa alimentare, con lo stop al superfluo per il 46% e la rinuncia ai beni voluttuari e di maggior costo: carni rosse tagliate (-14%), pesce (-9%), salumi (-8%) e vino (-6%).

Lo testimoniano anche i canali retail, che vedono un +12% dei discount – si legge nella nota. – Anche la crescita dell’export agroalimentare (+16% sul 2021) è in parte legata all’inflazione.

Parallelamente, l’aumento dell’import porta al netto peggioramento del saldo attivo della bilancia commerciale (da 4,9 miliardi del 2021 a soli 300 milioni per il 2022). “La filiera ha retto, di fronte alle difficoltà – osserva l’indagine – ma potrebbe pericolosamente vacillare se la situazione si protrae per tutto il 2023″.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)