Saldi estivi, si parte il 2 luglio fra ottimismo e incertezza (fonte foto: pexels-artem-beliaikin)

Al via i saldi estivi fra ottimismo e incertezza. E con le consuete previsioni di spesa da parte di negozianti e consumatori. La Sicilia sarà la prima regione a partire da domani 1° luglio, seguiranno sabato 2 luglio tutte le altre, ad eccezione della provincia autonoma di Bolzano (che parte il 15 luglio).

Saldi estivi, Confcommercio: spesa media di 88 euro a persona

Le previsioni per i saldi estivi, dice Confcommercio, oscillano quest’anno fra l’ottimismo legato alla libertà di circolazione e alla ripresa del turismo (nelle città sarà fondamentale il ritorno dei turisti stranieri, che darà una spinta al commercio) e le preoccupazioni sulla situazione economica, la rincorsa dei prezzi dell’energia e dell’inflazione – che certo non garantiscono una grande disponibilità di spesa.

Secondo Confcommercio ogni famiglia spenderà per i saldi estivi una media di 202 euro, 88 euro a persona, per un valore complessivo di 3,1 miliardi di euro.

Commentando la partenza dei saldi, il presidente nazionale di Federazione Moda Italia, Giulio Felloni, ha sottolineato che «le stime di spesa media a famiglia per questi saldi estivi sono in leggero aumento rispetto allo scorso anno e corrispondono al ritorno del turismo nazionale ed internazionale soprattutto sulle coste e nelle città d’arte»

«L’acquisto nei negozi di prossimità rappresenta il vero sostegno ai nostri centri urbani in termini di sostenibilità economica, ambientale e sociale – prosegue il presidente di Federazione Moda –Anche per questo non è ammissibile una concorrenza sleale dei colossi del web che hanno, peraltro, beneficiato di un’importante rendita di posizione. Chiediamo, quindi, che vengano quanto prima attuati gli accordi internazionali sull’entrata in vigore della global minimum tax. Già questo, sarebbe un primo passo verso un mercato più democratico».

 

grafica confcommercio
Confcommercio saldi estivi 2022

 

Codacons: saldi estivi all’insegna dell’incertezza

Un po’ più basse le previsioni di spesa del Codacons, che parla di una media di 165 euro a famiglia. I saldi estivi 2022, dice l’associazione, saranno all’insegna dell’incertezza a causa del caro bollette e dell’emergenza prezzi.

«Le vendite durante il periodo di sconti rimarranno al di sotto dei valori pre-Covid, con una spesa media a famiglia che si attesterà attorno ai 165 euro – spiega il Codacons – Cresce il numero di cittadini intenzionati ad approfittare dei saldi (circa il 60% degli italiani) ma la situazione economica caratterizzata dai forti rincari dell’energia, inflazione alle stelle e carburanti in continua salita influirà sulle scelte dei consumatori, portandoli ad una maggiore prudenza negli acquisti e a contenere il budget da dedicare ai saldi».

Un aiuto al commercio, riconosce il Codacons, arriverà dal turismo straniero. C’è poi da confidare in percentuali di sconto alte. Le vendite, tuttavia, rimarranno al di sotto dei valori pre-Covid e non saranno sufficienti a recuperare il gap con il passato, dice ancora l’associazione. Nel 2019, secondo le stime degli stessi commercianti, il giro d’affari dei saldi estivi aveva superato i 3,5 miliardi di euro.

Il manuale dei saldi estivi di Confcommercio…

Con i saldi estivi al via, tornano i consigli su come orientarsi negli acquisti. Nel “manuale dei saldi” di Federazione Moda Italia e Confcommercio vengono ricordati alcuni principi di base sui saldi. Per i commercianti, sono i seguenti:

  1. Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (d.lgs. 6 settembre 2005, n. 206, Codice del Consumo). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.
  2. Prova dei capi: non c’è obbligo. E’ rimesso alla discrezionalità del negoziante.
  3. Pagamenti: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante.
  4. Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo.
  5. Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.
  6. Modifiche e/o adattamenti sartoriali: sono a carico del cliente, salvo diversa pattuizione.

… e i consigli per non sbagliare acquisto dei Consumatori

I Consumatori pensano a come evitare cattivi acquisti. Il Codacons ricorda allora una serie di indicazioni sempre valide. Prima di tutto conservare lo scontrino, perché l’articolo difettoso deve essere cambiato.

Attenzione perché le vendite devono essere realmente di fine stagione: la merce alla voce “Saldo” deve essere l’avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondi di magazzino. Il prezzo deve essere esposto in modo chiaro e leggibile e la merce nuova deve essere separata da quella in saldo.

Meglio girare per negozi, prima di comprare, per verificare l’effettività dello sconto praticato. E pensarci su con qualche anticipo.

«Cercate di avere le idee chiare sulle spese da fare prima di entrare in negozio: sarete meno influenzabili dal negoziante e correrete meno il rischio di tornare a casa colmi di cose, magari anche a buon prezzo, ma delle quali non avevate alcun bisogno e che non userete mai – consiglia ancora il Codacons – Valutate la bontà dell’articolo guardando l’etichetta che descrive la composizione del capo d’abbigliamento (le fibre naturali ad esempio costano di più delle sintetiche). Pagare un prezzo alto non significa comprare un prodotto di qualità. Diffidate dei marchi molto simili a quelli noti».

Diffidare anche degli sconti troppo alti e superiori al 50%.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)