Istat: vendite al dettaglio in aumento, con particolare riguardo ai beni non alimentari

Istat: vendite al dettaglio in aumento, con particolare riguardo ai beni non alimentari

Ad agosto 2020 l’Istat stima un aumento delle vendite al dettaglio dell’8,2% in valore e dell’11,2% in volume, rispetto a luglio. Una crescita che riguarda soprattutto le vendite dei beni non alimentari (+13,8% in valore e +19,2% in volume), ma sono in aumento anche quelle dei beni alimentari (+1,6% in valore e +1,7% in volume).

Per quanto riguarda il trimestre giugno-agosto 2020, le vendite al dettaglio registrano un aumento del 22,8% in valore e del 22,4% in volume rispetto al trimestre precedente. Tendenza trainata dei beni non alimentari (+52,7% in valore e +50,6% in volume), mentre diminuiscono i beni alimentari (-1,5% in valore e -1,7% in volume).

Vendite al dettaglio, beni non alimentari

Per quanto riguarda i beni non alimentari, si registrano variazioni tendenziali eterogenee per i gruppi di prodotti. Gli aumenti maggiori riguardano Dotazioni per l’informatica, telecomunicazioni, telefonia (+12,3%) e Utensileria per la casa e ferramenta (+8,4). Le flessioni più marcate si evidenziano, invece, per Cartoleria, libri, giornali e riviste (-7,7%) e Altri prodotti (-5,2%).

“Ad agosto 2020, come pure nel complesso del trimestre giugno-agosto, si registra un deciso incremento congiunturale delle vendite dei beni non alimentari – commenta l’Istat. – Anche su base tendenziale, ad agosto, le vendite di questo comparto sono in crescita, sebbene esclusivamente grazie alla dinamica osservata per il commercio elettronico, mentre si riscontrano flessioni sia nella grande distribuzione sia nella imprese operanti su piccole superfici. Tra i gruppi di prodotti non alimentari si sottolinea il risultato positivo dell’Abbigliamento, che torna a crescere su base tendenziale per la prima volta da febbraio 2020, presumibilmente grazie all’effetto dei saldi che quest’anno, in molte regioni, sono iniziati ad agosto anziché a luglio”.

 

Vendite al dettaglio
Vendite al dettaglio

Unione Nazionale Consumatori: recuperati valori pre-Covid

“Bene, ottimo rimbalzo. Finalmente le vendite recuperano rispetto ai valori pre-emergenza Covid” afferma Massimiliano Donapresidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

Secondo uno studio realizzato dall’associazione, le vendite superano quelle di gennaio 2020 dello 0,8%, mentre rispetto a febbraio, ultimo mese pre-lockdown, sono inferiori solo dello 0,1%. Le vendite dei beni non alimentari, ossia quelle che hanno maggiormente risentito della chiusura degli esercizi, sono maggiori dello 0,4%.

“Ci sono, comunque, ancora delle ombre, rispetto al confronto annuo, ad esempio – conclude Dona. – Il recupero dipende in parte dallo spostamento dei saldi al mese di agosto e in parte dallo smart working, visto che in testa alla classifica ci sono le dotazioni per l’informatica con un +12,3%. In crisi, poi, i piccoli negozi“.

Codacons: prosegue la crisi del commercio

Meno ottimista il Codacons, che parla di “illusione ottica” circa la ripresa dei consumi in Italia.

“Analizzando i numeri dell’Istat si evidenzia come non ci sia alcuna ripresa dei consumi nel nostro Paese. I negozi continuano ancora a subire la crisi del commercio che prosegue oramai da mesi – afferma il presidente Carlo Rienzi – Rispetto ad agosto 2019 il valore delle vendite al dettaglio aumenta pochissimo per la grande distribuzione (+0,4%) mentre è ancora negativa per i piccoli negozi (-0,5%)”.

“Solo l’e-commerce – conclude Rienzi – fa segnare numeri positivi pari al +36,8%, ma con acquisti concentrati solo nel settore dell’informatica, della telefonia, e dell’abbigliamento”.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)