A distanza di 10 anni dalla sua introduzione, l’euro è ancora il principale colpevole della pesante perdita di potere di acquisto degli italiani. Nei momenti di crisi è normale cercare un capro espiatorio, ma per gli italiani l’euro è stato davvero una mannaia sul proprio portafoglio.
I numeri parlano chiaro e sono sempre più diffusi bilanci e analisi sul passaggio dalla lira all’euro. A settembre scorso Altroconsumo ha pubblicato un’indagine sui rincari di prezzi e tariffe legati al passaggio lira-euro.
Ora tocca al Codacons che ha concluso il 2011 con uno studio che documenta non soltanto come sono cambiati i prezzi dei beni di largo consumo dalle lire ad oggi, ma quantifica anche il danno monetario subito dai cittadini a causa dei rincari e delle speculazioni registrati negli ultimi 10 anni. In poche parole, “un vero e proprio massacro per le tasche delle famiglie italiane”. Si tratta di una perdita di potere d’acquisto, per il ceto medio italiano, del 39,7% da gennaio 2002 a gennaio 2012.  In 10 anni una famiglia composta da 4 persone ha subito una stangata complessiva, determinata dall’aumento dei prezzi, rincari delle tariffe, manovre economiche, caro-affitti, caro-carburanti, ecc, quantificabile in circa 10.850 euro.
Ma ad impressionare di più è il confronto tra i prezzi dei beni di largo consumo dalla lira all’euro. Il Codacons ha pubblicato una tabella che mette a confronto l’andamento dei listini al dettaglio dagli ultimi giorni delle lire (dicembre 2001) ai giorni nostri: dal rincaro massimo del 207% subito dalla penna a sfera, che è passata da 0,26 euro a 0,80, a quello del cono gelato (+160%), passando peril tramezzino al bar (+198,7%) e per il caffè (+136,5%).
“Il Codacons fu la prima associazione che nel gennaio 2002, quando venne introdotto l’euro, denunciò gli aumenti selvaggi e le speculazioni da changeover – spiega il presidente del Codacons Carlo Rienzi – Allora venimmo accusati di euroscetticismo e di terrorismo mediatico, mentre oggi tutti ci danno ragione, perchè la prova di ciò che è successo è sotto gli occhi di chiunque, a partire dagli stessi commercianti, prime vittime della loro stessa politica suicida”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)