Transizione verde, Parlamento UE: le misure di REPowerEU saranno incluse nei Pnrr

Transizione verde, Parlamento UE: le misure di REPowerEU saranno incluse nei PNRR (foto Pixabay)

Transizione verde, Parlamento UE: le misure di REPowerEU saranno incluse nei PNRR

In base all’accordo approvato dal Parlamento UE, i Paesi membri che chiedono di ricevere ulteriori risorse mediante una modifica del dispositivo per la ripresa e la resilienza dovranno includere misure per il risparmio energetico, la produzione di energia pulita e la diversificazione dell’approvvigionamento energetico, come previsto dal piano REPowerEU

Il Parlamento UE ha approvato l’inclusione delle misure di REPowerEU nei PNRR, confermando con 535 voti favorevoli, 63 contrari e 53 astensioni l’accordo raggiunto con il Consiglio nel dicembre 2022.

In base all’accordo, i Paesi membri che chiedono di ricevere ulteriori risorse mediante una modifica del dispositivo per la ripresa e la resilienza dovranno includere misure per il risparmio energetico, la produzione di energia pulita e la diversificazione dell’approvvigionamento energetico, come previsto dal piano REPowerEU.

Le nuove norme, contenute nei piani nazionali per la ripresa, entreranno in vigore dopo l’approvazione formale del Consiglio UE e il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE.

REPowerEU, le misure e gli obiettivi

Transizione verde, indipendenza e lotta alla povertà energetica: sono i temi chiave dell’accordo.

I deputati – si legge nella nota del Parlamento UE – hanno ottenuto che le misure siano volte a sostenere investimenti mirati a combattere la povertà energetica di famiglie vulnerabili, PMI e microimprese.

Inoltre, durante i negoziati i deputati hanno convinto i Paesi dell’UE a destinare almeno il 30% della loro spesa nell’ambito di REPowerEU a misure multinazionali per eliminare le carenze strutturali esistenti in termini di trasmissione, distribuzione e stoccaggio dell’energia, nonché per aumentare i flussi transfrontalieri, anche se effettuati da un solo paese UE. Hanno anche ottenuto l’introduzione di nuove regole di trasparenza per i 100 destinatari finali che ricevono i finanziamenti di importo più elevato. Queste regole si applicheranno all’insieme dei Piani di ripresa.

Alle misure REPowerEU – si legge nella nota – si applicherà il principio “non arrecare un danno significativo”, che permette la concessione di esenzioni temporanee per i progetti che salvaguardano la sicurezza energetica immediata dell’UE, riducono al minimo il potenziale danno ambientale e non mettono a rischio gli obiettivi climatici dell’Unione europea.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)