Indagine Cittadinanzattiva su vaccini e prevenzione (Foto Pixabay)

Vaccini e prevenzione consapevole nell’età adulta, l’indagine di Cittadinanzattiva

L’indagine di Cittadinanzattiva, che ha coinvolto 433 cittadini e 192 operatori sanitari, ha messo in luce diverse aree di miglioramento e ha sottolineato la necessità di azioni mirate per rafforzare l’informazione e l’accessibilità ai servizi vaccinali

Cittadinanzattiva ha presentato i dati di una ricerca che esplora l’attuale stato di conoscenza e percezione del valore della prevenzione tra cittadini e operatori sanitari. La ricerca, che ha coinvolto 433 cittadini e 192 operatori sanitari, ha messo in luce diverse aree di miglioramento e ha sottolineato la necessità di azioni mirate per rafforzare l’informazione e l’accessibilità ai servizi vaccinali.

Uno degli aspetti principali emersi dalla ricerca riguarda l’informazione sui vaccini. Il 30,6% dei cittadini intervistati ha dichiarato di non essere stato correttamente informato sui vaccini disponibili. Le principali fonti di informazione sono il personale dei centri vaccinali (52,6%) e i medici di medicina generale (24,2%). Tuttavia, i cittadini hanno evidenziato alcune aree di crisi: scarsa informazione sulla disponibilità delle vaccinazioni in età adulta, quando e dove farle, e sugli effetti e la gestione dei vaccini.

Accessibilità e barriere: le vaccinazioni

Le vaccinazioni per il COVID-19 (45%) e l’influenza (29%) sono le più diffuse tra i cittadini. Molti ritengono che la scarsa informazione, la paura degli effetti collaterali e le informazioni contraddittorie siano i principali ostacoli alla vaccinazione. Gli operatori sanitari concordano con questa visione e suggeriscono che il colloquio individuale con il medico di medicina generale, seguito da campagne informative sui mass media e colloqui con il personale dei centri vaccinali, potrebbe essere la soluzione per superare queste barriere.

L’accessibilità fisica ai servizi vaccinali è un altro tema centrale della ricerca. I luoghi ritenuti più accessibili dai cittadini sono lo studio del medico di medicina generale, la farmacia e il luogo di lavoro. Gli operatori sanitari confermano questa tendenza, suggerendo che il servizio vaccinale dovrebbe essere organizzato in modo coerente con queste preferenze.

Un focus sull’Herpes Zoster

Un’area specifica di interesse della ricerca è stata l’Herpes Zoster. La conoscenza di questa patologia, dei suoi sintomi e delle complicanze, nonché della sua presenza nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), è risultata insufficiente tra i cittadini. Il 74,3% non sa che la vaccinazione contro l’Herpes Zoster è un LEA. La principale fonte di informazione per i cittadini è internet e i social media, mentre solo una piccola parte riceve informazioni dal medico di medicina generale.

Anche tra gli operatori sanitari, c’è una significativa mancanza di conoscenza sull’offerta gratuita della vaccinazione anti-Herpes Zoster in base alle coorti di età e alle condizioni di rischio per patologia, con il 56,6% che ha risposto negativamente a questa domanda.

La prevenzione come priorità della salute pubblica

Tutti concordano sull’importanza della prevenzione nelle politiche di salute pubblica, anche se la pratica mostra difficoltà, ritardi e carenze che richiedono una forte alleanza tra istituzioni sanitarie, operatori e cittadini. Dalla ricerca emergono comunque segnali positivi, suggerendo che ci sono buone basi su cui costruire per migliorare la prevenzione e l’accessibilità ai servizi sanitari nel prossimo futuro.

Il lavoro svolto da Cittadinanzattiva evidenzia chiaramente che, nonostante i progressi, c’è ancora molto da fare per migliorare la consapevolezza e l’accessibilità alla prevenzione vaccinale tra gli adulti. La corretta informazione e l’alleanza tra tutte le parti coinvolte sono essenziali per rendere la prevenzione una parte integrante ed efficace delle politiche di salute pubblica.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)