tutela ambientale

Alluvioni e allagamenti, città sommerse come nuove Atlantidi e poi fango e danni difficili da sanare. Gli eventi metereologici “estremi” mettono a dura prova il nostro territorio e presentano un conto salato sia ai cittadini che alle istituzioni.

Esistono però degli alleati importantissimi nella lotta ai cambiamenti climatici: sono gli alberi di cui si festeggia oggi la giornata nazionale. Ogni anno, il 21 novembre, si celebra la Giornata Nazionale degli alberi per ricordare a tutti l’importante ruolo che la vegetazione e gli alberi in particolare svolge per l’uomo e l’ambiente.

 

Alberi, cosa fanno di buono per l'uomo
Alberi, cosa fanno di buono per l’uomo

Le principali funzioni degli alberi per l’ambiente e l’uomo

Le capacità degli alberi di assorbire CO2 e altri inquinanti gassosi, di catturare polveri sottili, di contribuire a ridurre i rischi provocati dal dissesto idrogeologico sono state approfondite in diverse ricerche.

Queste funzioni degli alberi sono tanto più significative quando avvengono in una dimensione di ecosistema foresta piuttosto che rispetto a quelle svolte dal singolo individuo visto che la fisiologia del sistema infatti che produce effetti migliori.

Negli ultimi anni sono state rese noti interessanti analisi sul ruolo della forestazione, in particolare in ambito urbano e peri-urbano per le quali si configurano moltissime iniziative e progetti in merito.

Per rendere più resilienti i nostri sistemi urbani, per disporre di ruoli e funzioni che gli alberi ci offrono quotidianamente e gratuitamente, per garantirci un migliore benessere psico-fisico dobbiamo far si che nelle aree urbane si attui un importante opera di forestazione.

Quanti alberi ci sono sulla terra?

Purtroppo ogni anno il processo di deforestazione sembra non avere fine. Un’importante ricerca apparsa sulla prestigiosa rivista scientifica “Nature” nel 2015 ha tentato di stabilire una stima il più possibile accurata del numero di alberi presenti sulla Terra: ne è risultato che il numero stimato di alberi sulla Terra è di circa 3.000 miliardi.

Lo studio ha calcolato che negli ultimi 12.000 anni circa (ovvero dalla nascita dell’agricoltura che corrisponde, nella scala geocronologica della Terra, all’inizio del periodo dell’Olocene, quello in cui stiamo ancora vivendo) il numero di piante è crollato del 46% e che ancora oggi vengono tagliati circa 15 miliardi di alberi all’anno.

Si stima infatti che il numero di alberi presenti sulla Terra agli inizi dell’Olocene fosse di circa 6.000 miliardi, quindi da allora ad oggi abbiamo perso la metà della vegetazione terrestre.

L’indagine ha però anche confermato che il responsabile più grande dei gravissimi processi di deforestazione in atto da molto tempo nelle aree forestali del mondo, resta l’uomo.

L’iniziativa di Legambiente

Un albero per il clima – #ChangeClimateChange. È lo slogan che accompagnerà quest’anno la Festa dell’albero, l’iniziativa organizzata da Legambiente che ha promosso da domani, 21 novembre, e per tutto il week end, circa 500 appuntamenti in tutta Italia con la piantumazione simbolica di nuovi alberi soprattutto nelle aree colpite da eventi estremi o danneggiate dalle fiamme, per portare un messaggio di impegno collettivo per mitigare gli effetti della crisi climatica, salvaguardare e valorizzare la biodiversità, proteggere il suolo dal dissesto idrogeologico e migliorare la qualità dell’aria e della vivibilità delle aree urbane. All’invito di Legambiente per celebrare la festa dell’albero hanno risposto 3.000 classi con il coinvolgimento di oltre 60mila studenti e la piantumazione di oltre 3.500 piante.

 

 

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)