Plastica

Coop aderisce all'iniziativa della Commissione Ue

Coop è tra le 107 imprese e associazioni europee che aderiscono alla “Circular Plastic Alliance”, voluta dalla Commissione europea per promuovere la riduzione delle materie plastiche, aumentare la diffusione delle materie plastiche riciclate e stimolare l’innovazione del mercato.

Una firma per ribadire la propria strategia di impegni a tutela dell’ambiente, con nuovi impegni volontari che si affiancano a altri obiettivi sfidanti e in linea con la precedente adesione datata più di un anno fa (giugno 2018) sempre in ambito europeo alla Pledging Campaign per l’implementazione del mercato della plastica riciclata.

 

posate in plastica
Cicular Plastic Alliance, gli obiettivi di Coop

Le azioni sui prodotti, conseguenti all’impegno preso, permetteranno a Coop di raggiungere nel 2025 un risparmio totale di plastica vergine di 6.400 tonnellate annue, corrispondenti al volume di 60 Tir; l’uso di materiale riciclato al posto del vergine permetterà un risparmio annuo di CO₂ pari a circa 9000 tonnellate. 

Inoltre, Coop va oltre l’adesione alla Campagna Europea e prevede di raggiungere entro il 2022 gli obiettivi che l’Unione Europea ha posto come obbligatori entro il 2030: nell’arco di un quadriennio tutti i prodotti a marchio Coop saranno realizzati con materiali di imballaggio riciclabili o compostabili o riutilizzabili, mentre quelli della linea Vivi Verde, maggiormente dedicata alla tutela dell’ambiente, taglieranno il traguardo già alla fine di quest’anno.

Gli impegni contenuti nella Dichiarazione della “Circular Plastic Alliance” siglata oggi includono l’approvazione dell’obiettivo che entro il 2025 vengano reintrodotti sul mercato almeno 10 milioni di tonnellate di materie plastiche riciclate elaborando piani di lavoro specifici e  contestualmente programmi di ricerca ed infine istituendo un sistema di monitoraggio.  

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)